Noemi: un successo garantito dalle classifiche

By on febbraio 19, 2012
foto dela cantante noemi

text-align: center”>foto dela cantante noemi

Come spesso accade per il Festival di Sanremo, la vittoria non corrisponde necessariamente al successo commerciale di un artista. Solo vincendo Emma Marrone ha scalzato dal podio dei singoli più venduti su iTunes Noemi, che con il brano Sono solo parole scritto da Fabrizio Moro è stata al primo posto per tutta la durata della kermesse. Oggi è numero tre. Non accadeva da molto tempo che la classifica di vendita corrispondesse a quella finale di Sanremo con Emma, Arisa e Noemi padrone assolute del momento. Era dal 1999 (quell’anno furono Anna Oxa, Antonella Ruggiero e Mariella Nava) che tre donne fossero le finaliste del Festival, marcatamente maschile soprattutto negli ultimi otto anni. Il Sanremo di Noemi è dunque stato un successone. Il brano Sono solo parole, apprezzato da pubblico e critica, resterà comunque nel cuore degli italiani. Noemi, qualche tempo fa, lo ha descritto così: “Mi piacciono le canzoni sulle dinamiche delle persone e sull’incomunicabilità. Ma questo pezzo ha anche una doppia lettura. Fabrizio Moro, partendo da una storia di sentimenti, è riuscito a descrivere il momento di limbo che stiamo vivendo, ora che ogni iniziativa personale e sociale sembra complicata da realizzare, e anche i sogni sembrano sfuggirci di mano, mentre gli altri ci illudono. Sono solo parole lo urlerei alla politica, perchè la politica della parola ha stancato.

noemi-sanremo-2012-finale

Credo che questo sia il momento dell’azione. Io credo nel cambiamento vero, nella gente che si rimbocca le maniche. Diciamo che il cambiamento c’è stato perché sono cambiati i ministri. Ma li paghiamo troppo. E gli unici che tirano la cinghia siamo sempre noi. Bisognerebbe fare in modo che i costi della politica non pesassero così tanto sul Paese, su chi fa sacrifici. Perché poi mi viene da pensare: se l’ Italia in termini di servizi non dà niente, è giusto pagare le tasse?”. Poi ha qualcosa da dire anche sulla canzone vincitrice di Sanremo, Non è l’inferno. “Ben vengano le canzoni impegnate come la sua, che anche se potrebbe essere letta in senso politico non mi sembra strumentalizzabile né opportunistica: è una riflessione molto diretta sull’Italia di oggi, dove siamo costretti a tirare la cinghia e a dover riscoprire una coscienza comune. Se vogliamo uscire dalla crisi dobbiamo rimboccarci le maniche tutti insieme, politici compresi”. Nata a Roma nel 1982, Veronica Scopelliti in arte Noemi partecipa a Sanremolab nel 2007, entrando nella rosa dei finalisti.  Nel 2008 partecipa ai provini per X-Factor, il talent show allora su Rai 2. Non riesce ad arrivare alla finale, ma il suo brano inedito Briciole conquista il pubblico ed entra al primo posto nella classifica Fimi dei singoli più venduti. La canzone è contenuta nell’ep dal titolo Noemi che diventa disco d’oro. A ottobre del 2009 viene pubblicato il suo primo album Sulla mia pelle, con dieci brani inediti. La splendida L’amore si odia diventa una delle canzoni più amate del momento anche grazie alla collaborazione con Fiorella Mannoia. Nel 2010 Noemi entra di diritto nella lista dei big che parteciperanno alla 60ª edizione del Festival di Sanremo. Il brano Per tutta la vita arriva quarta e la sua esclusione dal podio suscita il malcontento del pubblico e dell’orchestra che clamorosamente lancia sul palco gli spartiti. Ma la vittoria di Noemi arriva comunque. Il brano è primo in classifica e il cd Sulla mia pelle – Sanremo edition diventa disco di platino. Nel 2011 la cantante pubblica il suo secondo album dal titolo RossoNoemi, anticipato dal singolo Vuoto a perdere scritto da Vasco Rossi.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *