Provaci ancora prof 4! Una fiction carina, grazie alla Oggero

By on febbraio 28, 2012
Veronica Pivetti in Provaci ancora prof!

text-align: center”>Veronica Pivetti in Provaci ancora prof!

Nel discount delle fiction italiane, tra produzioni banali, altre più profonde e complesse (vedi Il Restauratore), spicca la quarta serie di Provaci ancora prof! Anche in queste nuove puntate, la detective improvvisata Camilla Baudino (interpretata da una brava Veronica Pivetti), di professione insegnante, verrà chiamata a risolvere alcuni casi. Insomma, la fiction si inserisce nel filone commedia-giallo già rimpinguato in questi anni da Don Matteo, altro successo Rai.

Provaci ancora prof (e in particolare questa quarta stagione) aggiunge qualcosa di nuovo a un panorama che appare saturo? L’impressione è che sì, la fiction riveli ‘qualcos’altro’. La sceneggiatura scorre via tranquilla, non annoia. Spesso intrattiene con siparietti divertenti, scaturiti soprattutto dal rapporto tra Camilla e i commissari che cercano di metterle i bastoni tra le ruote. In particolare, però, ci sono alcuni spunti che rendono Provaci ancora prof una serie ‘un po’ più strana’, in qualche misura notevole.

Cesare Bocci

La sceneggiatura è firmata – tra gli altri – da Dido Castelli e Anna Samueli. Il soggetto, però, è ispirato ai racconti di Margherita Oggero, insegnante e scrittrice italiana. Dunque, l’origine di Provaci ancora prof è un origine in qualche modo letteraria. E allora è chiaro come mai i personaggi nella fiction siano caratterizzati in maniera così adeguata (caratteristica che manca a molte produzioni Rai). Non è un particolare da poco, visto che gran parte della verve che sprizza la serie è data dal personaggio principale, Camilla Baudino.

Il secondo fattore che ‘innalza’ la fiction è Veronica Pivetti. L’attrice ha due meriti: in primo luogo, pare che le caratteristiche della protagonista gli siano state cucite addosso, in secundis interpreta la parte bene, ossia con naturalezza e semplicità. La ‘trasparenza’ è una delle qualità che rende un personaggio vivo.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *