Rossella Urru libera: l’appello di Fiorello su Twitter. Ma Sarubbi e Barbara D’Urso sollevano dei dubbi

By on febbraio 29, 2012
Rossella Urru Libera

Geppi Cucciari ha lanciato un sassolino in un lago durante l’ultima serata del Festival di Sanremo e adesso le onde provocate dal suo intervento si sono ampliate sempre più. Da quando la conterranea di Rossella Urru, la rappresentante del CISP (Comitato internazionale per lo Sviluppo dei Popoli), ha parlato del suo rapimento su Raiuno, l’interesse intorno al caso è cresciuto. L’ultimo nome noto a chiedere di liberare Rossella è stato Fiorello, che sulla sua pagina twitter ha pubblicato ieri mattina un video diverso dalla solita rassegna stampa mattutina. Quello di Fiorello era un vero e proprio appello a tutti i suoi amici dei telegiornali e dei media, una richiesta di far finire la sua faccia in tv o sui giornali per un motivo serio e non solo per divertimento.

E Sarofiorello è riuscito davvero a riportare alla ribalta il nome di Rossella Urru ed ha fatto mobilitare mezzo web, soprattutto twitter, dove ha invitato i suoi follower ad impostare come immagine profilo una foto di Rossella e, come previsto, le adesioni da parte degli iscritti al sito non sono mancate. Ma se da una parte c’è chi fa di tutto per dare voce ad una ragazza che non può farlo in prima persona, dall’altra c’è chi vorrebbe far spegnere i riflettori su questa vicenda per permettere a chi di dovere di far continuare silenziosamente le trattative per la liberazione dell’operatrice sarda. Andrea Sarubbi, deputato del PD, ha scritto sul suo blog:

fiorello-rossella-urru-libera

“Per carità, un hashtag su twitter non si nega a nessuno, figuriamoci a chi se lo merita. E ben vengano pure le citazioni a Sanremo, come è stato, se questo serve a svegliare un po’ l’Italia su temi che generalmente interessano a pochi. Rossella Urru non vestiva una divisa, quando quattro mesi fa è stata rapita nel campo profughi di Hassi Raduni, e così nessuno ha scomodato finora per lei la categoria di eroe; agli occhi dell’opinione pubblica rischiava di venire dimenticata, pur essendo un pezzo dell’Italia migliore, così come del resto è dimenticata la cooperazione internazionale, nata per essere una colonna della politica estera italiana e ridotta a un club – tra l’altro sempre più ristretto – di anime belle. Free Rossella, allora, se lo slogan servisse davvero a qualcosa. Ma purtroppo la situazione è complicatissima, come qualsiasi addetto ai lavori potrebbe spiegare se solo avesse voglia di parlarne pubblicamente. Invece, tutto prosegue nel silenzio, come è giusto che sia. Se Rossella Urru fosse stata rapita in un’isola in mezzo all’oceano, tutto sarebbe più facile: il governo italiano si metterebbe in contatto con quello locale, e i servizi segreti di entrambi i Paesi comincerebbero a lavorare insieme. Prima o poi – più prima che poi – se ne verrebbe a capo”

Il suo sarebbe un appello alla discrezione quindi, per non intralciare le trattative con i rapitori e proprio come lui anche Barbara D’Urso inizia ad avere dubbi su tutto questo rumore creato intorno alla vicenda. La paladina di Mediaset, nonostante stia ricordando Rossella nella sua trasmissione ed abbia lodato “il suo caro amico Fiore” dopo il suo video, ha manifestato dalla sua pagina twitter dei dubbi su quale sia il giusto comportamento da adottare:

“Dicono che se alziamo troppo polverone potremmo rendere difficile il loro modo silente di liberare tutti i rapiti. Io posso anche tutti i giorni (come sto facendo) dirlo in onda ma se poi è peggio? Che facciamo?”

I dubbi sono legittimi se si vuole dar fiducia all’operato della Farnesina ma il pensiero di una ragazza italiana in mano a dei rapitori in un paese straniero non va proprio giù agli italiani e sarà difficile farli stare zitti ora che hanno iniziato a far rumore. Troppi mesi sono passati relegando questa faccenda in un angolo dell’informazione italiana e allora anche dalle pagine di LaNostraTv vogliamo gridare ROSSELLA URRU LIBERA!

About Marinella Aiello

Nasce nel 1986 a Praia a Mare in provincia di Cosenza. Dopo essersi laureata in scienze della comunicazione decide di proseguire i suoi studi diventando dottoressa magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Uniroma3. La televisione è una delle sue passioni più grandi, insieme ai social network e alle serie tv americane. È diplomata in danza moderna e si occupa di organizzazioine di eventi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *