Sanremo 2012, Gianni Morandi sui fischi a Celentano: “Erano pilotati!”

By on febbraio 19, 2012
Morandi e Celentano nella serata conclusiva del Festival 2012

text-align: center;”>Morandi e Celentano nella serata conclusiva del Festival 2012

Si è conclusa questa Sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo ed oggi, the day after  è il giorno dei commenti sui risultati, le pagelle, il meglio, il peggio, cosa succederà…Ed è proprio in questo clima di bilanci che si è svolta la conferenza stampa sul Festival a cui ha partecipato il conduttore Gianni Morandi che ha fatto delle dichiarazioni che faranno certamente discutere. Si tratta dei fischi con i quali  il Teatro Ariston ha “omaggiato” Adriano Celentano, tornato per la seconda volta a Sanremo dopo le polemiche suscitate riguardo la stampa cattolica. Durante il monologo il cantante aveva cercato di spiegare le sue precedenti dichiarazioni ma si è ritrovato davanti un pubblico totalmente avverso, lo stesso pubblico che pochi giorni prima, durante il suo prima intervento gli aveva regalato applausi a scena aperta anche durante le dichiarazioni più criticate contro l’operato di Famiglia Cristiana e L’Avvenire. Che cosa è cambiato in quattro giorni? Perché il pubblico che i giorni precedenti aveva battuto le mani alle sue stesse dichiarazioni, stavolta, con il cantante che è tornato sui suoi passi senza aggiungere niente di nuovo, lo ha contestato platealmente?

adriano_celentano_e_gianni_morandi

“I fischi dell’Ariston è stata un’operazione pilotata. I fischi a Celentano erano sicuramente organizzati, non so da chi”. Queste le dichiarazioni di Gianni Morandi che ha aggiunto: “Mai vista una cosa così in tanti festival, era troppo mirata, e troppo precisa. Abbiamo mandato una persona in galleria e c’erano tre-quattro persone che sistematicamente fischiavano, con uno schema preciso. Era tutto organizzato, non so da chi, ma lo era”. Morandi che nella serata di ieri sera era apparso davvero costernato, ha spiegato alla stampa le reazioni di Celentano alle contestazioni ricevute: “Ho fatto colazione questa mattina con Adriano, ci siamo rasserenati e siamo stati contenti degli ascolti. Gli ho chiesto di venire in sala stampa a salutare ma mi ha detto: “Vai tu, salutali e ringraziali. Ma non avere toni trionfalistici perché bisogna anche saper vincere”. Una vera e propria cospirazione contro il Molleggiato quindi, secondo Gianni Morandi, quella inscenata al Teatro Ariston. Ma chi ci sarà dietro questa operazione così di cattivo gusto? A prescindere infatti se si è o no d’accordo con un artista, l’eganza di un Teatro dovrebbe quantomeno dimostrare compostezza e rispetto nei riguardi di chi parla, soprattutto, come in questo caso, con un personaggio del calibro di Adriano Celentano. E invece più che a Sanremo ieri sembrava di stare davvero alla Corrida, mancavano soltanto i campanacci e poi la scenografia sarebbe stata la medesima.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

2 Comments

  1. Paolo 'Neupaul' Palmacci

    febbraio 19, 2012 at 22:41

    Si è conclusa la 62° Kermessa di Sanremocontro! (la recensione di Aldo Grassacci)

  2. mimmuzzu

    febbraio 19, 2012 at 23:12

    Tutto cio che Celentano a detto e pura VERITA!
    Ma chi se ne frega se il suo messaggio atrocemente puro non a piaciuto ai politici ed al vaticano.

    ITALIANI SVEGLIATEVI!

    Ne i politici ne quelli che controllano il vaticano andranno al paradiso. QUEST E LA VERITA e Celentano ve la detta in faccia. Ma voi, come quelli che hanno ucciso il Cristo, non capite nulla mentre che fate finta di capire tutto.

    Politici et vaticanesi SIETE TUTTI FESSI, BUFFI, IPOCRITI.

    Tra pochissimo tempo sarete tutti nelle braccia di vostro caro babbo–Satana.

    IGNORANTI!

    Se non volete guarire l’Italia al meno non impedite quelli che l’amano e la vogliono fare vivere!

    In proprio questi tempi Gesu ANCORA DICE:
    “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *