Vasco Rossi compie 60 anni: La7 festeggia con il film-documentario “Questa storia qua”

By on

text-align: center”>Vasco compie 60 anni docufilm Questa storia qua

E’ il rocker più controverso della musica italiana: si chiama Vasco Rossi, classe 1952, e la sua musica ha scritto pagine indimenticabili della storia del cantautorato italiano. Osannato dai suoi fan, contestato aspramente dai detrattori, il Blasco nazionale compie oggi 60 anni e La7 ha deciso di omaggiarlo dedicandogli la prima serata. Va in onda dalle 21.10, in esclusiva, il docufilm Questa storia qua, che ricostruisce la “vita spericolata” del rocker: un ritratto autobiografico, che attraverso filmati di repertorio, interviste, video privati e canzoni, ci restituisce una immagine inedita del cantautore modenese.

Proiettato con successo alla sessantottesima Mostra del cinema di Venezia e distribuito in tutte le sale italiane, il documentario è frutto del lungo lavoro di ricerca e documentazione dei registi esordienti Alessandro Paris e Sibylle Righetti. Quel che emerge dai 75 minuti di film è un ritorno alle radici del “Blasco”, a partire dall’infanzia a Zocca, paese dell’Appennino modenese, e dai ricordi delle prime esibizioni in pubblico. Dopo i primi album passati inosservati, uno dei momenti cruciali del racconto è la morte del papà camionista, uno spartiacque nella vita del cantante, che da quel momento trova la forza necessaria per cominciare seriamente la scalata al successo: sono gli anni dei testi provocatori, del “rock cattivo” e delle trasgressioni ad ogni costo. Ma quasi per paradosso, a farlo conoscere al grande pubblico è il palco più tradizionalista della musica italiana, quello del Festival di Sanremo.

vasco-questa-storia-qua

Vasco partecipa nel 1982 con la canzone Vado al massimo e l’anno dopo con Vita Spericolata: due manifesti della sua filosofia di vita, che però si classificano, rispettivamente, penultima ed ultima al concorso. Poco male, perché entrambe si piazzeranno ai vertici delle classifiche di vendita per mesi. Il resto è storia: 16 album inediti, 7 album live e 2 raccolte ufficiali, ad oggi più di trenta milioni di copie vendute. Un vortice di successi segnato anche dalle sregolatezze del genio: la dipendenza dalle droghe, diversi arresti per guida spericolata e detenzione di sostanze, donne come se piovesse e figli segreti che chiedono di essere riconosciuti. Ma i suoi fan gli perdonano qualunque cosa: Vasco ormai è un’icona e uno che riempie gli stadi con maxiconcerti da 80.000 persone, continua a scrivere ed incidere album di successo, può permettersi tutto.

A far preoccupare i suoi fan ci sono i recenti problemi di salute della rockstar, cui si somma la lotta contro la depressione che lo affligge da dieci anni: “Assumo da tempo un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e altro, studiato da una equipe di medici, che mi mantiene in questo “equilibrio” accettabile. (..) Se sono vivo lo devo a loro e a tutta questa valanga di chimica che assumo. Non avrei superato tutte le consapevolezze, le sofferenze e la profonda depressione nella quale ero sprofondato nel 2001“, ha dichiarato Vasco nel giugno scorso. Oggi compie 60 anni: cambierà qualcosa per lui o rimarrà in eterno il simbolo della vita spericolata?

L’appuntamento con Questa storia qua è per stasera su La7, anche in live streaming all’indirizzo www.la7.it e in replica per sette giorni su www.la7.tv.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *