Victoria Cabello contro il Festival di Sanremo. Le affidereste la conduzione della kermesse?

By on febbraio 16, 2012

text-align: center;”>Victoria Cabello conduttrice

Victoria Cabello spara a zero sul Festival di Sanremo. Il nuovo acquisto  Rai, un bel colpo di telemercato messo a segno dal direttore generale Lorenza Lei, non ha proprio gradito le prime due serate della kermesse canora condotte da Gianni Morandi e ha espresso tutto il suo disappunto in un’intervista rilasciata al Fatto quotidiano: Zero assoluto. Rispetto Celentano, merita i suoi spazi e libertà illimitata, ma quel palco è per le canzoni e i cantanti. Il suo intervento ha ammazzato la serata e falsato la gara. Ho visto uno spettacolo incredibile: i giurati che non votano, i microfoni che non funzionano, le vallette riciclate. Un anno di preparazione per cosa? Si ricordano che c’è un foglio chiamato scaletta?”

Insomma, una Cabello perfettamente in linea con quanto espresso da Francesco Renga, il quale durante l’intervento del Molleggiato si è lamentato del fatto che a Sanremo i cantanti stavano facendo la cornice di Adriano Celentano; un’opinione condivisa anche da un monumento della musica italiana come Lucio Dalla. Secondo il cantautore gli artisti avrebbero dovuto ribellarsi ad un trattamento del genere, avendo spezzato in due parti la gara. La conduttrice di Quelli che il calcio rincara la dose: Stavolta il Festival ha dimostrato com’è la televisione italiana e cos’è il servizio pubblico: un insieme di robette fatte malissimo. […] Dispiace per tante e brave persone che ci lavoravano, ma la sensazione è stata di guardare uno spettacolo di dilettanti. Tutto sbagliato, tutto vecchio, tutto terribilmente noioso“. Victoria in questa occasione appare dunque senza peli sulla lingua, incurante magari del fatto che durante una delle sue puntate di Quelli che il calcio potrebbe ritrovarsi ad ospitare per esempio i Marlene Kuntz, Dolcenera o Arisa (quest’ultima è in ottimi rapporti con la conduttrice).

victoria-cabello

Ma soprattutto Victoria Cabello dovrebbe moderare i toni tragici se si ricorda la sua performance come disturbatrice durante il Festival di Sanremo 2006 con Giorgio Panariello come conduttore e Ilary Blasi valletta. In quell’occasione l’ex Iena si fece notare solo per aver massaggiato i piedi all’attore hollywoodiano John Travolta, pagato per quell’ospitata la sera inaugurale un milione di euro. C’è da sottolineare però che Vicky era lì a fare la disturbatrice e sia maturata tantissimo negli ultimi anni con i suoi show in seconda serata, Victor Victoria in testa. A nostro parere anzi il suo stile dissacrante e ironico potrebbe portare una ventata d’aria fresca qualora fosse la conduttrice del Festival di Sanremo, ma l’impronta femminista in questo caso dovrebbe essere bilanciata dalla presenza di un valletto, per esempio un modello internazionale a serata. E voi vorreste Victoria al timone di un Festival o ritenete sia acerba per un impegno del genere?

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *