Wild Oltrenatura, quarta puntata: le storie incredibili e le sfide “estreme” di Fiammetta

By on febbraio 1, 2012
Wild Italia Uno

=”text-align: justify;”>Wild Oltrenatura stasera in tvUna conduttrice “inviata sul fronte” per sfidare il ghiaccio. La lotta della sopravvivenza e la faccia feroce della natura. Su questo filo conduttore scorre ogni episodio di Wild Oltrenatura, programma che ha rilanciato Fiammetta Cicogna in un ruolo ben diverso da quanto visto in Tamarreide. Alle prese con la prova di “sopravvivenza wild”, la giovane Fiammetta sfida le dolomiti, avventurandosi nell’attraversamento del lago ghiacciato e facendo i conti con giacigli di fortuna, pesca improvvisata nelle acque gelate e altre intemperie non da poco. Certo, i maligni rammentano che i pericoli sono spesso apparenti, data la costante presenza di personale di soccorso al seguito: sta di fatto che le avventure sono vere ed il rapporto con la natura di chi le conduce non lascia dubbi sul valore del programma. Duro l’iniziale “wild file” sul popolo Masai in lotta coi temibili leoni africani, predatori in grado di fare 600 vittime tra gli uomini negli ultimi 15 anni: lo dimostra il racconto filmato di una lotta finita col tragico banchetto ai danni della preda umana.

foto-ghiaccio-sopravvivenza-wild-italia-uno

Subito dopo, il video delle rocambolesche operazioni di salvataggio di un koala, col volo lungo 15 metri del povero animale, afferrato miracolosamente da un operaio accorso in suo aiuto. Commuove la storia del gufo mutilato da una tagliola, collocata dai bracconieri su un albero, viva grazie ad uno spettacolare salvataggio dell’inesorabile dissanguamento: pur con una zampa mutilata, potrà ritrovare la forza di volare e raggiungere i suoi simili. Storie di generosità e amore tra uomo e animali, alternate però a tragedie sfiorate come quella della fantina “tradita” dal suo cavallo e colpita in corsa dagli zoccoli degli altri animali, incidente quasi mortale che troverà un’incredibile replica due anni dopo, per uno strano scherzo del destino.

Altrettanto paradossale, il doppio infortunio di un cowboy, ridotto in fin di vita dal toro che montava durante il rodeo (fratture al cranio che solo per questione di millimetri non ne hanno determinato la morte). Poi lo scontro tra due moto d’acqua, anche in questo caso impatto quasi fatale per lo sfortunato protagonista e le riprese di un pescatore trascinato in fondo al mare da uno squalo attirato dall’esca. E ancora, le sequenze del mini-tsunami di un fiume che spazza via decine di macchine all’interno di un parcheggio, le onde del Pacifico che travolgono gli spettatori di una gara di surf, l’assalto a due sommozzatori da parte di una inferocita foca elefantina, immagini di leoni contro coccodrilli e tante altre vicende scioccanti.

Diverso è il tono della rubrica dedicata ai dinosauri, stavolta incentrata sulle scoperte fatte in Cina a conferma di antiche teorie relative alle prime specie volatili (Microraptor, con  penne lunghe e 4 ali ed altri esemplari). La ricostruzione animata, con scene anche di caccia in stile Jurassic Park, ha fornito interessanti spunti sulle forme di vita che popolavano il pianeta milioni di anni fa. Non solo brividi, quindi, per gli amanti della “real tv” che hanno portato lo share, nella precedente puntata, al 10,27% confermando il trend positivo di questa edizione. Merito anche della bella Cicogna, vero?

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *