Europa League: il torneo più snobbato finisce su Italia 2

By on marzo 22, 2012

Sapete qual è il colmo per un torneo di calcio? Essere una palla al piede! C’è poco da scherzare signori. La seconda competizione continentale calcistica sta diventando quasi un ingombrante fastidio per squadre e reti televisive. L’Europa League, torneo a mio avviso di tutto rispetto, è diventata la sorella brutta della Champions. Le squadre italiane la snobbano (e non fanno mistero del mancato entusiasmo al momento della qualificazione, per molte anzi è un intoppo che fa perdere tempo al campionato), le reti televisive, a fronte degli ascolti non esaltanti, continuano a rimbalzarsi la patata bollente. Risultato? Il nostro paese perde posti nel ranking Uefa e dice addio alla quarta squadra in Champions. L’Europa League, dal canto suo, partita su Italia uno è adesso pronta ad approdare sul digitale terrestre.

I diritti del torneo erano infatti stati acquisiti da Mediaset. I primi incontri sono stati proposti su Italia Uno salvo poi retrocedere su Rete 4 e infine approdare con le dirette sulle reti Premium. Ma dal prossimo giovedì, 29 Marzo, si cambia di nuovo: le gare finiscono su Italia 2, rete gemella di Italia uno sul digitale terrestre e per giunta assente dalle case di molti italiani. Tanto snobismo quindi che sembra procurarci un deja vù: vi ricordate quanto bistratta era la Coppa Italia, ignorata dai club fino a qualche anno fa e ora divenuta una coppa di prestigio con gare al cardiopalma?

europa-league

Nel frattempo Italia 2 continua a crescere e a inserire nella sua programmazione, fatta per lo più da cartoon e telefilm in replica, anche eventi sportivi in esclusiva. Oltre all’Europa League dovrebbero approdare nella rete anche alcuni eventi meno importanti del motomondiale. Tornando al calcio si prosegue dunque giovedì 29 con la gara tra Schalke 04 e Athletic Bilbao. Conseguenza logica è anche il trasferimento del programma sportivo di Mino Taveri che prende armi e bagagli e vola su Italia 2. E voi, l’Europa League l’avete seguita?

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *