Anticipazioni Donnavventura: alla scoperta di Abu Dhabi. Ma chi scopre il programma di Rete 4?

By on marzo 11, 2012

text-align: justify”>donnavventura rete 4Ci sono programmi di cui si parla solo raramente. Piccoli “gioielli” di qualità e originalità che non fanno rumore ma che si piazzano al di sotto di quella linea confusa di chiacchiere e auditel. Uno di questi è Donnavventura, un esperimento a metà tra documentario e reality che va in onda, da dodici anni su Rete 4. Quanti di voi lo guardano? Non tantissimi (il programma registra uno share medio del 4-5% e un pubblico di circa 900mila spettatori). Donnavventura però soddisfa quella fetta di pubblico appartenente a un target socio-culturale medio alto su cui la rete investe già da un po’, anche con altri programmi (vedi Pianeta Mare o La Versione di Banfi).

Dal 2000, il programma diretto da Lele Biscussi, spedisce alcune donne a bordo di pick-up  nei luoghi più affascinanti della terra (si fanno i casting per ogni edizione). Le esploratrici di Rete 4 hanno già messo una bandierina su Lapponia, Africa, Patagonia, Amazzonia, Brasile, Giamaica, Nuova Guinea, Thailandia, Cambogia, Messico, Alaska e decine di altri paradisi perduti e selvaggi. In questa edizione le donneavventura  stanno percorrendo la zona degli Emirati Arabi nel Gran Raid dell’Oceano Indiano.

donnavventura-brasile

Nella puntata che andrà in onda quest’oggi (ore 14), il team lascerà Zighy Bay per dirigersi verso l’emiro di Ajmandove, alla scoperta di un’unica e meravigliosa razza di equini arabi. Trattasi della nona tappa del giro che condurrà le esploratrici verso un vero e proprio resort da mille e una notte sepolto dalle dune di sabbia del deserto. I pick up raggiungeranno l’emiro di Abu Dhabi e il suo Ferrari World, il parco tematico dedicato alla “rossa” italiana più grande del mondo.

Nelle prossime puntate il tour continuerà a Dubai, la città dove tutto è possibile. Dubai è infatti lusso e meraviglia per eccellenza. È la città dell’albergo più costoso del mondo, degli sceicchi milionari e dell’impossibile. Vedremo come a distanza di pochi metri e, in pieno deserto, sarà possibile sciare a meno cinque gradi centigradi o fare diving tra gli squali nel bel mezzo di un centro commerciale. Se non avete mai visto questi luoghi, se non avete idea della loro posizione sul mappamondo o semplicemente se avete voglia di vedere un buon prodotto televisivo confezionato come uno grande show americano (il montaggio, la postproduzione e le immagini della location sono eccellenti) non vi resta che vedere Donnavventura, ogni domenica alle 14, su Rete 4.

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *