Chiambretti Wednesday Night, esplode il dibattito sulla Tav

By on marzo 8, 2012
Il conduttore Piero Chiambretti

text-align: center”>Il conduttore Piero Chiambretti

I programmi di Chiambretti sono programmi leggeri solo a metà. Tra risate, battute, macchiette etc spesso appare un barlume di ‘informazione da servizio pubblico’ che raramente ormai si trova nella Rai, men che meno nella Mediaset. Ieri, al Chiambretti Wednesday Night, andato in onda in prima serata su Italia Uno, si è parlato della Tav della Val di Susa , la linea ad alta velocità motivo delle proteste di una frangia consistenza della popolazione locale.

Prima del momento ‘politico’, il programma era scorso lungo i binari consueti. L’intervista al super ospite, Kate Winslet, è durata più di un’ora; quelle a vip più nostrani, come Fiammetta Cicogna (conduttrice di Wild), Gerry Scotti (giudice a Italia’s Got Talent), Dolcenera (cantante), sono durate di meno ma hanno divertito il pubblico. In particolare, Gerry Scotti si è dimostrato reattivo nelle battute e ha ingaggiato qualche sfottò con Piero Chiambretti.

La discussione sulla Val di Susa è divampata a fine serata. L’occasione è stata la rubrica della ‘conferenza stampa’. Il format è semplice: due attori della scena politica si sfidano a duello su un argomento scelto dagli autori. E’ il pubblico, poi, a decidere quale delle tesi sia risultata più convincente.

Piero Chiambretti

L’argomento – l’ho già detto – è stata la Tav in Val di Susa. E’ giusto farla o no? Chi protesta è un eroe o un ‘cretinetto’ (definizione coniata da Il Gionale). Gli sfidanti invece sono stati Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, e Vittorio Agnoletto, volto storico di Rifondazione Comunista e militante di spicco del Movimento No-Global.

Ebbene, è stata una sfida esaltante, in cui, finalmente, sono emersi i fatti e non le illazioni. Il vincitore è emerso candidamente: Agnoletto, che ha risposto con dati e ragionamenti concreti alla demagogia di Sallusti. Il direttore del Giornale ha rincarato la dose definendo come cretini non solo Luca Abbà (che per sfuggire alla Forze dell’Ordine si è arrampicato sul traliccio ed è caduto) ma tutti i mnifestanti, perché impediscono un opera di progresso e utilizzano la violenza. Agnoletto ha replicato che la frangia violenta è una piccolissima minoranza del movimento è che l’argomento violenza (che va sempre condannata, aggiunge) è solo una scusa per non intraprendere un percorso di dialogo.

Agnoletto ha esposto i veri motivi per cui buona parte dei partiti politici insiste così tanto per la Val di Susa: “E’ una questione di appalti. Vogliamo treni che funzionano, non che fanno fare gli appalti a Pd e Pdl“. Il politico ha anche informato sui rischi per la popolazione che, a Tav terminata, sarebbero sommersi dall’eternit e dunque sottoposti a un’alta probabilità di contrarre un tumore.

About Giuseppe Briganti

3 Comments

  1. Paolo

    marzo 8, 2012 at 21:17

    Ciao ieri ho visto chiambretti night e tutta l’intervista con kate winslet. Verso la fine hanno fatto esibire una ballerina acrobata e da ieri mi tormenta il desiderio di conoscere il titolo di sottofondo di quella bellissima canzone. Purtroppo su video mediaset quella parte l’hanno tagliata e sono disperato. Non so se mi potresti essere d’aiuto però forse sapresti dirmi il nome della ballerina. Spero che leggerai il mio commento.

    • Marco

      marzo 8, 2012 at 23:27

      Anche io sarei interessato molto al titolo della canzone mandata durante lo spezzone con la ballerina vestita in blu. oppure anche il nome della ballerina. grazie, spero con piacere di ricevere una risposta.

  2. Giuseppe Briganti

    marzo 9, 2012 at 14:41

    Mi dispiace, non conosco il nome della canzone. Se ne verrò a conoscenza, ve la comunicherò

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *