Cresce l’ansia per la sorte di Rossella Urru: le fonti di Al Jazeera smentiscono la liberazione

By on marzo 4, 2012

text-align: center”>Rossella Urru: nessuna conferma sulla liberazione

La liberazione della cooperante sarda Rossella Urru, annunciata ieri da Al Jazeera e da alcuni media della Mauritania, ma a tutt’oggi senza conferme ufficiali, sta assumendo i contorni di un giallo internazionale. Tanto più inquietante perchè c’è in ballo la vita di una giovane donna, rapita quattro mesi fa insieme a un uomo e a una donna spagnoli in un campo profughi in Algeria, dove era impegnata come operatrice di pace. Dopo la gioia di ieri per la liberazione annunciata dall’emittente araba, una serie di voci più o meno attendibili si sono susseguite di ora in ora: secondo la stampa locale, ci sarebbe stato uno scambio di prigionieri, l’italiana per un terrorista salafita, in seguito al quale Rossella sarebbe stata rilasciata nel Mali. La conferma della Farnesina, però, non è mai arrivata.

Oggi invece, lo stesso sito arabo che ieri aveva annunciato la liberazione della 29enne sarda, ha fatto marcia indietro: “Non c’è stato nessun accordo tra il governo della Mauritania e Al Quaeda nel Magreb islamico per uno scambio di prigionieri per la liberazione di Rossella Urru” riferisce il sito Sahara Media, la fonte di Al Jazeera che ieri aveva fatto sperare nella fine del’incubo. E monta il giallo anche sulle voci su una ingente richiesta di riscatto: ben 30 milioni di euro sarebbero stati chiesti dai sequestratori della giovane, da intascare per finanziare la lotta di un gruppo terroristico islamico collegato alla rete sahariana di Al Quaeda

rosella-urru

L’indiscrezione del riscatto è stata lanciata dall’agenzia stampa FrancePresse, che da sempre gode di una rete affidabile di fonti in Algeria. “Il Movimento Unito per il Jihad in Africa occidentale ha chiesto 30 milioni di euro per liberare i due spagnoli e la donna italiana. I rispettivi Paesi sono a conoscenza del fatto“, ha comunicato la fonte in questione. Intanto sono ore febbrili per l’attività diplomatica, che si è moltiplicata nelle ultime ore: Spagna e Italia cercano di stringere sulla trattativa. Sinora la Farnesina ha tenuto il massimo riserbo sulla vicenda, spiegando che eventuali fughe di notizie non farebbero altro che mettere in pericolo le operazioni di contrattazione. Intanto a Samugheo, in provincia di Oristano, i concittadini e la famiglia attendono con trepidazione una conferma ufficiale del rilascio di Rossella, una ragazza che aveva come unico scopo il rispetto dei diritti umani.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *