Da Casini alla Fornero, passando per Alemanno: la galleria di esilaranti parodie di The Show must go Off

By on marzo 4, 2012

text-align: center”>Imitazione Fornero The Show Must Go Off

Si può discutere sui numeri dell’Auditel e sulle percentuali dello share, ma la forza di The Show must go Off, al di là delle cifre, resiste ed è tutta lì, nelle parodie. Due ore di comicità e satira, animate da un gruppo di attori che sfornano un’imitazione dietro l’atra e tutte irresistibili. Anche nella puntata di ieri, in prima serata su La7, sono stati gli imitatori a farla da padrona: a partire da un veterano come Neri Marcorè, tornato a vestire i panni del politico-piacione Pierferdinando Casini, con un revival che risale ai tempi di Parla con me. Il leader centrista è sulla prua del Titanic che sta per affondare, una volta metafora dell’Italia berlusconiana, ora di quella montiana, abbracciato a Serena Dandini come nella scena più celebre del film. I due osservano il Paese alla deriva, con i comunisti italiani che affondano, Bersani che ha deciso di far rotta verso la Grecia (“Come al solito non ha capito un cazzo“, commenta Casini), Berlusconi che cerca disperatamente di galleggiare (“Chi di Passera ferisce di Passera perisce“). Niente più bipolarismo, l’unica a salvarsi è la Balena Bianca, simbolo democristiano: “E’ bella, affasciannte, indistruttibile, eterna…è la Dc“. E dopo l’avvertimento di Casini, “noi democristiani non moriremo mai“, la scena si chiude col più classico lietofine: un bacio appassionato (da fiction, s’intende!).

Una new entry di questa nuova edizione del programma della Danadini, è la riuscitissima parodia di Gianni Alemanno alle prese con i problemi di Roma Capitale: da settimane Max Paiella ci ha preso gusto a ridicolizzare il sindaco incapace che se la prende con la Protezione Civile e invoca continuamente l‘intervento dell’esercito. Passata l’emergenza neve, Alemanno si trasforma in metronotte e da Ponte Milvio dispensa improbabili disposizioni per la sicurezza della Capitale, professando il suo amore per la città immortale di “Pio l’8 barrato” e “Appio Claudio Baglioni“. Ma il vero gioiellino di The Show must go Off è lei: quella Elsa Fornero (in foto, ndr) che dall’alto della sua cattedra e con tanto di bacchetta da professoressa, ci illumina con le sue teorie sulla riforma del lavoro.

michele-riondino-il-giovane-montalbano

Dopo averci spiegato la teoria della relatività del posto di lavoro e la metafora dei contratti atipici che sono come il Kamasutra, questa settimana la Fornero, alias Germana Pasquero, cerca le risorse per gli ammortizzatori sociali giocando al gratta e vinci: “Mi sono uscite 2 Camusso e 2 Angeletti: peccato, saltano anche gli ammortizzatori“. Tra le imprecazioni rivolte a Michel Martone, lo sfigato col posto da bidello, l’indiscrezione che la Camusso è a Mirafiori a ballare la break dance con i metalmeccanici e i tanto invocati sacrifici che la Fornero non riesce mai a pronunciare (“sacr… – sacchi a pelo – sacchetti – saccottini!“), la parodia si conclude con la solita professione d’amore per Mario Monti: “Che fisco che ha il mio Monti. Mi fa sangue, lacrime e sangue!“.

Infine, c’è la neonata in casa Dandini, l’imitazione del ministro degli Interni Annamaria Cancellieri, costretta dai tagli del governo tecnico a telefonare con un vecchio telefono a gettoni: approdata al Viminale quasi per caso, la ministra sfoggia un improbabile ironia e un accento romanesco che non passa inosservato. Di ritorno da Lampedusa alla ricerca della famosa villa di Berlusconi e dei campi da golf promessi dal precedente governo, la Cancellieri esclama delusa: “Oh, io ho cercato…ma nun ce stà niente!“.

Tra vecche e nuove conoscenze, The Show must go Off ci delizia con una galleria di personaggi davvero esilaranti, e poco importa se lo share finora non ha premiato: in una serata televisiva affollatissima come quella del sabato sera, il salotto della Dandini è una piccola oasi di divertimento intelligente.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *