Ezio Greggio non ha mai impartito lezioni all’Università Giovanni Paolo I, lo racconta a Striscia

By on marzo 22, 2012
Foto Michelle Hunziker e Ezio Greggio a Striscia

text-align: center”>Foto Michelle Hunziker e Ezio Greggio a Striscia

Non ci lamentiamo se l’istruzione in Italia è scadente. D’altronde, gli studenti, dove dovrebbero apprendere le varie nozioni, se le università non esistono neanche? E poi, a parte tutti i problemi legati all’istruzione, alla cultura ecc ecc, ma a che pro inventare l’esistenza di una università? Qual è il vantaggio che si ricava? Perchè attribuire ad essa un nome così importante? E soprattutto, chi sarebbe la mente insana che avrebbe ideato tutto ciò? Sicuramente se si è arrivati a tanto, qualcosa sotto sotto c’è. Ma purtroppo, i motivi ancora non si conoscono. Ci si augura che non sia qualcosa di troppo grave, o meglio, di troppo illegale. Ma ciò che sconvolge di più, è la richiesta ad un noto volto televisivo, di diventarne docente. Cosa avrebbe dovuto insegnare Ezio Greggio, ma soprattutto, perchè è stato scelto proprio lui in questa situazione così ambigua? E’ probabile che sia stato preso di mira da qualcuno? E se ciò fosse vero, quest’ultimo, a cosa voleva arrivare? Fatto sta che, il simpatico ed affermato conduttore di Striscia, non si è lasciato abbindolare dalle chiacchiere.

foto-coppia-striscia-la-notizia

La situazione non gli è sembrata chiara dall’inizio e così, in nome della trasparenza, si è rifiutatao categoricamente. Non a caso, questa sera andrà in onda proprio su Striscia la notizia un servizio di Jimmi Ghione sull’Università Giovanni Paolo I, ormai nota università fantasma di Santa Maria Capua Avetere. Domani, su un articolo online del settimanale L’Espresso, leggerete anche il nome di Ezio Greggio al quale è stato attribuito l’appellativo di “novello cattedratico ordinario”, dell’ateneo stesso. Ma Greggio che con le bugie non ci è mai andato d’accordo, non ha perso tempo e così, ha inviato una diffida al direttore del settimanale. Ovviamente, ha presentato delle valide motivazione ed ha raccontato precisamente come sia andata la vicenda. Tutto risale a quattro anni fa. Un amico giornalista di Roma, gli propose di tenere delle lezioni presso quella stessa Università. Greggio però, non essendo troppo convinto, declinò l’offerta visto che non aveva mai sentito parlare della “Giovanni Paolo I”.

Infatti, come avrebbe potuto conoscerla dal momento che questa non aveva neanche le mura? Qualcuno, avrebbe anche inventato che, la fantomatica università, avrebbe anche attribuito allo stesso conduttore un titolo onorario. Di tutto ciò, Ezio Greggio, non ne è assolutamente al corrente anzi, col passare del tempo, quasi aveva rimosso quell’affare, così poco conveniente, che gli avevano proposto. E così, con quel pizzico d’ironia che da sempre lo caratterizza, ha affermato. “Essendo un vivente, potevano farmi almeno una telefonata. Avrebbero evitato l’ennesima ‘canzonata’. Ormai il problema delle fonti per l’informazione si presenta sempre più evidente, a parte quei giornalisti che inventano falsi scoop solo per diffamare”

About Martina Morlè

2 Comments

  1. Topolino

    marzo 23, 2012 at 07:07

    Alcuni di “noi” sono ancora costretti a nascondersi per evitare ritorsioni anche molto pericolose da quegli “accademici”, però c’è da dire qualcosina…
    Ezio Greggio ha avuto più di una segnalazione circa la sua presenza sul sito di quella fantomatica “università”, a partire da un anno fa e fino a poco prima del sequestro… si ignorano i motivi per cui adesso se la prenda con L’Espresso! Forse dà fastidio sentirsi presi per fessi quando lo si fa con gli altri tutti i girni? E’ proprio vero che l’autoironia è qualcosa di sconosciuto ai comici…

  2. Vittorio

    novembre 12, 2012 at 01:46

    Ma perchè? L’Unised, l’università popolare di Caserta e l’Isfoa cosa fanno? Sono tutte false università che nessun oha sfiorato neanche con un dito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *