Fiction “Il sogno del maratoneta”, il 19 e 20 marzo su Raiuno

By on marzo 12, 2012
fiction il sogno del maratoneta

text-align: justify”>fiction il sogno del maratonetaAbbiamo recentemente parlato dei tentennamenti riguardanti la Rai, l’approvazione del Piano Fiction e il “nodo” rappresentato dalla Casanova Multimedia, casa di produzione di Luca Barbareschi. Al di là di queste recenti e comunque non troppo accese polemiche, la Casanova è e resta una fucina di idee che si traducono in decine di fiction. Domenica 18 e lunedì 19 marzo andrà in onda “Il sogno del maratoneta”, dedicata alla vera storia di Dorandi Pietri, figlio di contadini con la passione per la corsa, che vinse alle Olimpiadi del 1908 ma poco dopo si vide togliere il titolo con l’accusa di essere stato aiutato da uno dei giudici. Quest’ultimo, in realtà, si era limitato a sorreggerlo quando, in preda alla stanchezza, Dorando stava rischiando di sbagliare strada.

Non si racconta solo la vicenda sportiva in sé, ma anche tutta l’essenza di un uomo che simboleggia quell’epoca, un’epoca fatta di povertà diffusa ma anche tanta voglia di riscatto. E di amore. Il ruolo di protagonista è affidato a un attore sempre vibrante come Luigi Lo Cascio, mentre il personaggio femminile principale – l’intrigante Luciana – è interpretato da Laura Chiatti. Gli altri componenti del cast sono: Dajana Roncione, Alessandro Haber, Thomas Trabacchi, Fabio Fulco, Andy Luotto, Jerry Mastrodomenico, Roberto Nobile, Enrico Salimbeni e Pippo Delbono.

laura-chiatti

La regia è firmata da Leone Pompucci. “Quella di Dorando Pietri – ha dichiarato qualche tempo fa Luigi Lo Cascio alla Provincia di Comoè una figura piena di fascino. Era un italiano mingherlino che sfidava i giganti americani anglosassoni, più ricchi e meglio nutriti. Il sogno del maratoneta è anche questo”. Prima curiosità: il 18 marzo si terrà la diciottesima Maratona di Roma, con partenza dai Fori Imperiali e arrivo nello stesso posto. Coincidenza o scelta consapevole? Seconda curiosità: la fiction è stata girata due anni fa, nell’estate del 2010. L’importante è saper aspettare, dice qualcuno.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *