Gli Intoccabili, da Nord a Sud tra sprechi pubblici e la Parentopoli Leghista

By on marzo 8, 2012
Nuzzi intervista Lombrado a Gli Intoccabili

text-align: center”>Nuzzi intervista Lombrado a Gli Intoccabili

Un vero e proprio viaggio nell’universo dei “privilegiati” d’Italia, quello realizzato nell’ultima puntata di ieri sera 7 marzo de Gli Intoccabili ad opera della squadra di Gianluigi Nuzzi, che è andata a scandagliare i percorsi sotterranei dei soldi pubblici legati alle società partecipate da Regioni, Province e Comuni e i conseguenti sprechi che ammontano a circa 2 miliardi e mezzo di euro l’anno più le risposte a logiche clientelari che contribuiscono ad ulteriori sperperi di fondi pubblici.

In un vero e proprio tour che ha toccato le mete di ogni dove della penisola italiana, principalmente dal Sud Italia tra Sicilia e Campania fino ad arrivare alle saliere del Nord nel regno del cerchio magico legato a Umberto Bossi e la grande famiglia della Lega Nord, Gli Intoccabili ha messo in evidenza una sempre più evidente logica clientelare politico-partitica che, come hanno testimoniato gli ospiti in studio è destinata, volente o nolente ad un sostanziale ridimensionamento.

Se ne è parlato con il governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, Italo Bocchino di Fli , Gianluca Pini della Lega Nord  e il giornalista del Corriere della sera Sergio Rizzo, incalzati dalle domande pungenti di uno spumeggiante Gianluigi Nuzzi che ha concluso questa ultima puntata de Gli Intoccabili, la decima per l’esattezza, con un vero e proprio percorso a tappe in cui ha messo in evidenza intrecci tra politica, economia, finanza e “famiglie allargate”.

apertura-puntata-gli-intoccabili-7-marzo

Ebbene si, perché mentre qualche anno fa si accettava bonariamente la logica delle raccomandazioni come qualcosa di scontato ma messo a tacere per “quieto vivere” adesso, nell’epoca della crisi economica-esistenziale ciò non è più tollerabile, neanche minimamente e le telecamere de Gli Intoccabili attraverso le proprie mordenti inchieste,  hanno messo in evidenza la vergogna del clientelismo di una politica vecchia e sommersa che si sta sempre più rinchiudendo in sé stessa e nel cerchio della famiglia. Ma forse la cosa assurda eppure inevitabile della crisi è quella di aver portato difficoltà proprio a tutti, anche ai raccomandati, una volta veri e propri intoccabili soprattutto nel campo statale, eppure oggi, pare che un nuovo mondo si stia aprendo, come ha sottolineato Nuzzi in apertura di trasmissione.

E così la Parentopoli della Lega Nord diventa territorio d’indagine di un’Italia che non tollera più certi privilegi ma sempre più propensa ad orientarsi nel campo oggi utopistico della meritocrazia, parola che tanto ha a che vedere con la democrazia, non solo per assonanza vocale. A conclusione di puntata poi è stato realizzato un nuovo focus sul gioco d’azzardo, altro scandalo italiano, con l’intervento in studio del ministro per l’Integrazione e la Cooperazione sociale Andrea Riccardi che ha dichiarato di voler far approvare una legge per la tutela del gioco sconsiderato che ha portato alla rovina intere famiglie.

E per quanto Gli Intoccabili abbia chiuso con successo la stagione con questa ultima puntata, così come vi avevamo anticipato nell’intervista al giornalista, la trasmissione di Gianluigi Nuzzi tornerà a settembre per una seconda stagione di nuove inchieste giornalistiche, che continueranno a scoperchiare mondi occulti, riequilibrando così in maniera del tutto trasparente quello che è il caposaldo della democrazia: l’informazione.

 

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *