Italia’s Got Talent, solo quattro cantanti tra i finalisti

By on marzo 4, 2012
La showgirl Belen Rodriguez

text-align: center”>La showgirl Belen Rodriguez

Ieri sera è andata in onda, come al solito in prima serata su Canale 5, Italia’s Got Talent. La puntata è stata dedicata interamente alla selezione di otto finalisti che si dovranno giocare il titolo nelle prossime settimane. La volta precedente erano stati scelti i primi otto. Tra i sedici finalisti totali abbondano acrobati e giocolieri. I cantanti invece sono pochi, solo quattro. Ecco la lista completa:

Emil Faccioli (piccolo ballerino hip hop), Devin De Bianchi (acrobata), Syria Luongo (artista di strada, ginnasta, al centro di varie polemiche), Federico Soldati (mentalista), Eugenio Amato (cantante), Tetrallegria (gruppo di quattro mimi), Fratelli d’Argento (ballerini di tip tap), Verba Volant (attori che basano tutto sull’improvvisazione sul palco), Pierangelo Gullo (cantante), Salvo Randazzo (cantante), Luigi Necci (cantante), Igor e Andrea Matyushenko (coppia di fratelli acrobati), Stefano Scarpa (uomo ‘bandiera’), Luigi Fiorenti (maestro – esperto di pelotas), Shot Girls (maghe), Terenzio Traisci (mimo).

Questi sono i sedici finalisti che si contenderanno il titolo. Dando un’occhiata ai nomi, ma soprattutto alle loro specialità, si ricavano un paio di riflessioni. La prima è sulla presenza abbondante di giocolieri e acrobati rispetto ai cantanti. La seconda è sul confronto, da cui si evince una piccola evoluzione, rispetto alla lista dell’anno scorso.

Belen Rodriguez

Di cantanti ce ne sono solo quattro, mentre gli acrobati sono cinque. I numeri potrebbero sembrare quasi identici, se non fosse per il fatto che la musica è da sempre considerata come un arte certamente più ‘alta’ rispetto a quelli di giocolieri, acrobati etc. L’anno scorso, inoltre, la composizione è risultata un po’ diversa. I cantanti finalisti nella seconda edizione furono quattro su dodici totali; un terzo del totale quindi, contro un quarto dell’edizione in corso. Gli acrobati, poi, furono tre (tra cui un fachiro). Che i gusti dei telespettatori stiano evolvendo a favore dell’elemento… circense?

 

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *