Italia’s Got Talent vs Ballando con le stelle, Milly Carlucci rimpiange di andare in onda il sabato

By on marzo 3, 2012
Milly Carlucci, presentatrice

text-align: center”>Milly Carlucci, presentatrice

La sfida tra Italia’s got talent e Ballando con le stelle si rinnova ogni sabato. E puntualmente, ogni sabato, è il programma di Canale 5 a vincere. Se quella degli ascolti è una guerra (e lo è), allora il vincitore è solo uno, Italia’s got talent. Giusto per fare un esempio, la puntata del 25 febbraio del programma condotto da Belen Rodriguez è stata vista da 8 milioni di persone, contro una media di 4 milioni del rivale condotto da Milly Carlucci.

Quali sono le ragioni di questo esito che fa ogni settimana sempre più contato? Persino Milly Carlucci, che non può essere proprio obiettiva, ha detto la sua: secondo la presentatrice Italia’s got talent vince perché la Mediaset ha più soldi da spendere. Ma è solo il fattore denaro a decretare la sconfitta di Ballando con le stelle? E’ palese, a dire il vero, una differenza di fondo tra i due contendenti. La trasmissione della rete ammiraglia del servizio pubblico è sì confezionata bene, sia dal punto di vista della regia che delle coreografia ma, in fin dei conti, annoia. Italia’s Got Talent, invece, diverte e lo fa anche grazie ai siparietti che i giudici innescano o anche semplicemente alle esibizioni che, alle volte, assomigliano a quelle che il pubblico di varie generazioni ha ammirato alla Corrida.

Ballando con le stelle

Ciononostante, Milly Carlucci è soddisfatta del suo programma. Ecco cosa ha dichiarata qualche giorno fa a Vero Tv: “Il bilancio di quest’anno è più che positivo: ho un bel cast, che si impegna molto! Mi hanno colpito la duttilità di Marco Delvecchio e la professionalità di Anna Tatangelo! Secondo me si nota un certo feeling tra alcune coppie”. Ma anche espresso il suo rammarico per il palinsesto. E’ stato un errore, secondo lei, mettere il programma di sabato: “Italia’s got talent è un bel format, forte a livello internazionale e secondo me è stato uno sbaglio contrapporlo a noi: il pubblico avrebbe potuto godersi due programmi contemporaneamente!

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *