Jersey Shore: negli Usa 8 milioni di spettatori in Italia tanto disprezzo

By on marzo 20, 2012
Foto-Jersey-Shore-Spiaggia

Generalmente li chiamano ‘tamarri’ ma, a qualcuno, stanno simpatici. Molti adolescenti non trovano nulla di sbagliato nei loro comportamenti e quasi vorrebbero imitarli. I protagonisti di Jersey Shore spingono il pubblico al divertimento. Quello più estremo ma anche quello più banale. Di certo, non parlano mai di argomenti profondi, non fanno grandi discorsi e, nelle loro espressioni, c’è tutto tranne che la poesia. Vogliono vivere in modo leggero e, anche se dovessero incontrare degli ostacoli, li supererebbero con il sorriso e senza pensarci troppo. In Italia già tutti ne parlano e, un pò per vendicarsi dei giudizi negativi espressi sui vari programmi berlusconiani, hanno scosso la testa davanti alla serie americana. Quasi non vedevano l’ora di disprezzare qualcosa di estero, anche se Jersey Shore, per molti aspetti, non si distacca troppo da numerosi prodotti italiani. Probabilmente si teme la concorrenza o forse non si è ancora pronti per confrontarsi con i propri difetti, mostrati però da altri.

foto-jersey-shore-1-puntata-4-stagione

Negli Stati Uniti Jersey Shore è stato un vero successo. Mandato in onda su Mtv, è una parodia degli stereotipi italo-americani. Come si può notare nelle foto, i protagonisti tengono molto all’aspetto fisico; sono belli, muscolosi e abbronzati. Amano mettersi in mostra e compiacersi del proprio fisico. Così, non è un caso se molti ragazzi della serie, con fare poco raffinato, sfoggino canottiere attillatissime. Ma l’outfit non è sicuramente l’unico problema, visto che anche il loro modo di comportarsi, non è sempre consono alle situazioni. Sono rumorosi e qualche volta troppo prevedibili, chi dice che sono un pò ‘superficiali’, probabilmente non sbaglia. In America, gli spettatori sono stati circa 8 milioni ma l’Italia sembra decisa a non voler raggiungere quel risultato. Sul sito Mtv Italia, un utente ha scritto un commento che ha fatto molto discutere:” Vedendo questa serie, mi chiedo se Bin Laden non abbia fatto bene…”. E’ stata un’uscita infelice ma ha reso perfettamente l’idea della grande rivalità tra Italia e America.

Nonostante le varie polemiche ed il disprezzo diffuso, la quarta serie di Jersey Shore è stata girata in Italia. Precisamente, il cast e la crew, si sono mossi tra Firenze e Riccione. Ovviamente, la loro presenza non ha lasciato indifferente nessuno tanto che, alcune associazioni, come la UNICO National, l’Order of the Sons of Italy in America e la National Italian American Foundation, hanno condannato il programma per l’uso “razzismo, violenza e comportamento deplorevole che marginalizza e riduce gli italoamericani a stereotipi”. Il “guido” o “macho” sembra non piacere più a nessuno, ormai ha fatto il suo tempo e i gusti sono cambiati. Assisteremo a delle modifiche nel programma, in futuro? Gli italiani lo sperano!

About Martina Morlè

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *