“L’Amore è femmina”. Nina Zilli si confessa: “Sul palco sudo come un muratore”

By on marzo 16, 2012
nina-zilli

text-align: center”>L'Amore è femmina

Autoironica e vintage: ecco l’identikit della nuova stella della musica italiana. Nina Zilli, all’anagrafe Maria Chiara Fraschetta, si confessa a Tv Sorrisi e Canzoni, rivelando il suo lato giocoso ed un po’ folle. Dopo anni di studio al conservatorio, la talentuosa cantante perfeziona la sua identità musicale negli Stati Uniti. Raggae , soul e la musica italiana anni ’60: questi i generi a cui Nina Zilli s’ispira e che trovano spazio nel suo ultimo album “L’amore è femmina”, uscito il 15 febbraio scorso, in contemporanea alla sua partecipazione all’ultimo festival di Sanremo con il brano “Per Sempre”. Un disco eterogeneo in cui si fondono generi musicali diversi, frutto della collaborazione con geni del suono come Michele Canova e Pino Pischetola. Ci sono atmosfere passate rivisitate in chiave moderna, un calore vinilico tra blues, r&b, swing, Motown e sintetizzatori Anni 70, un po’ Clash. In alcuni pezzi, compreso “Per sempre”, ho usato un echorec Binson originale, uno scatolotto in ghisa capace di modificare il suono in analogico e non in digitale, e di ridare un vero sapore Anni 60. L’eterogeneità dei generi musicali investe anche l’immagine della cantante, un misto di stili differenti, dal bon ton al vintage. Adoro inglobare tante anime , ma precisa sul palco non ho niente delle signorine rétro. Mi ha visto? Sudo come un muratore.

Presente nell’ultimo album, inoltre, anche il brano “Un’altra estate”, firmato dalla Zilli in collaborazione con Carmen Consoli. Per la cantante, dunque, si realizza un sogno: la possibilità di lavorare a stretto contatto con l’artista italiana da lei più amata. Era un mio sogno da fan. L’avrò vista in concerto almeno 15 volte. Quando era venuta fuori, mi ero detta: “Wow che figata, una cantautrice donna”. Tempo fa le ho scritto una mail ma siccome con la tecnologia siamo due dinosauri, alla fine le ho mandato un piccione viaggiatore in Sicilia con un pezzo in inglese e lei mi ha rimandato il testo. L’ho lasciato così. Le divine non si toccano.

nina-zilli-lamore-e-femmina-cd

Vincitrice, nel Sanremo 2010, del “Premio della Critica Mia Martini” con la canzone “L’uomo che amava le donne”, la Zilli rappresenterà l’Italia  in Azerbaigian all’Eurovision Song Contest, che verrà  trasmesso sabato 26 maggio 2012  in diretta tv su Rai2.  La cantante gareggerà con il brano “L’amore è femmina”, nato dalla penna congiunta della stessa Nina e di Christian Rabb, Kristoffer Sjokvist, Frida Molander e Charlie Mason. Recentemente, infatti,  la casa discografica Universal Music Italia e la Rai hanno scartato  “Per sempre”, la canzone ascoltata all’ultimo festival di Sanremo e che ha consacrato il talento della Zilli, autrice del testo.

Ma gli impegni lavorativi per la piacentina non finiscono qui. Attualmente, infatti, la vediamo impegnata nello show “Panariello non esiste”, al fianco del comico toscano, in onda il lunedì, in prima serata, su canale5. Una coppia singolare nata da un incontro altrettanto singolare. Complice una pioggia torrenziale che si è abbattuta sui Wind Music Awards della scorsa estate e i ritardi conseguenti, Giorgio e io abbiamo avuto modo di conoscerci e scherzare. Un giorno mi ha chiamata e ha cominciato a parlare di orchestra, varietà d’altri tempi, Alberto Lupo, Mina. Io non l’ho fatto nemmeno finire di parlare: gli ho detto subito di sì. Ed a giudicare dagli ottimi ascolti, mai incontro fu più proficuo.

About Paola Orlando

Nata a Nocera Inferiore (Sa) sotto il segno del Capricorno, è laureata in “Editoria e Pubblicistica” presso l’Università degli Studi di Salerno. Ha collaborato diversi anni con “il Salernitano”, pubblicandovi articoli di cronaca ed attualità. Leggere e scrivere sono le sue più grandi passioni, a cui si aggiunge uno spiccato interesse per il suggestivo mondo della televisione. Sogni nel cassetto? Diventare redattrice di testi televisivi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *