Laura Pausini e Jovanotti commentano la morte di Matteo Armellini

By on
Matteo Armellini Cartellone Fan Club Pausini

E’ sicuramente una giornata di lutto per il campo musicale. Oltre al mancato compleanno di Lucio Dalla, questa mattina a Reggio Calabria a causa di un cedimento strutturale, è morto uno degli operai che stavano allestendo il palco per Laura Pausini presso lo stadio Calafiore. Si chiamava Matteo Armellini, romano di 31 anni, operaio presso la ditta Insieme di Castelvecchio Subequo, con sede nella provincia de L’Aquila. Il palco gli è crollato addosso mentre, in compagnia con altri colleghi, stava montando l’impianto d’illuminazione. La notizia ha fatto un rapidissimo giro dei social network e fra Facebook e Twitter si sono espressi i messaggi di cordoglio più importanti.  Sul suo profilo ufficiale, Laura Pausini ha scritto una lunga nota:

“Scrivere queste parole per me è davvero molto difficile e doloroso…mi trovo in uno stato di confusione e fragilità molto forti. Questa notte il nostro amico e compagno di viaggio Matteo Armellini ha perso la vita a Reggio Calabria. Matteo era un rigger, un tecnico esperto, un ragazzo giovane, forte, riservato, gentile e sempre attento a far sì che il suo e il nostro lavoro fosse il migliore di tutti. La tragedia che sta colpendo la sua famiglia, me, i miei tecnici, la mia band, i miei ballerini e tutti i miei collaboratori è piu grande di cio’ che si possa immaginare. Vivere insieme viaggiando è bellissimo e complicato, certamente è una scuola per noi che piano piano diventiamo amici, complici e poi quasi una vera famiglia…ecco perchè oggi penso che è solo ingiusto ed è semplicemente incomprensibile.  Mi sento impotente di fronte a questa perdita e vorrei poter far qualcosa ma so di non poter fare niente e questo mi fa sentire ancora peggio. Sono vicina alla sua famiglia e alla sua fidanzata con tutto il mio cuore…le mie e le nostre sentite condoglianze vengono davvero dall’anima. Matteo stava preparando con gli altri ragazzi quello che sarebbe stato il NOSTRO concerto, la nostra adrenalina, la nostra passione, il nostro divertimento e invece oggi è un giorno pieno di dolore, un dolore troppo grande per saperlo descrivere.

Noi che siamo la tua famiglia in tour ci inchiniamo davanti a te Matteo e all’amicizia e all’amore che mettevi per ogni tuo gesto, sacrificio e aiuto che ci davi, e si uniscono a me i tecnici feriti che per fortuna ora stanno bene. Ma il nostro lutto è totale. E devastante. Ciao Matteo. Laura e i tuoi amici del tour.

jova_giovani_cgil_tweet_pausini

Immagine 1 di 14

Jovanotti su Twitter

Anche il fan club di Laura ha deciso di dedicare un ultimo saluto all’operaio con uno striscione sulla timeline della pagina facebook ed un breve messaggio di cordoglio: “Tragedie inutili, tragedie insopportabili. Ciao Matteo, da tutti noi e con tutto il nostro cuoree sui telegiornali si sfoganoQuello che hanno detto certe persone e certi giornalisti è veramente vergognoso. Oltre al lutto per la perdita del caro Matteo, noi pausiniani vogliamo mostrare la nostra solidarietà a Laura, respingendo tutte le subdole accuse passate sottobanco da certi telegiornali deleteri in molti aspetti della società. E scusate la polemica ma quando ci vuole, ci vuole!.

Da Twitter, manda un saluto alla vittima dell’incidente Jovanotti con alcuni tweet pubblicati di seguito: “Vicino alla famiglia di Matteo Armelini. Molto dolore per quello che è accaduto di nuovo stanotte a Reggio Calabria” “Un abbraccio a Laura e alla sua squadra.” “E’ necessaria una discussione molto seria tra organismi competenti su come possiamo migliorare il livello di sicurezza.” “Per noi addetti ai lavori e per il pubblico.” “Le normative ci sono e nei tour vengono rispettate ma dobbiamo capire tutti noi coinvolti cosa deve cambiare.”.

 

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *