Le iene, seconda serata venerdì 23 marzo: Kony 2012 (VIDEO), contro il silenzio

By on marzo 23, 2012
iene-seconda-serata

text-align: justify”>Le Iene anticipazioni seconda serataTorna l’appuntamento con Le iene in seconda serata, oggi 23 marzo a partire dalle 00.10 su Italia1. Nella puntata, condotta come sempre dal trio composto da Ilary Blasi, Enrico Brignano e la new entry Claudio Amendola, si darà spazio a quelli che vengono giudicati come temi più adatti al pubblico della seconda serata. Proprio ieri è andata in onda la puntata canonica (seguita in diretta web da lanostratv) che ha presentato, tra gli altri, un servizio sulla pedofilia. Ma anche per questa sera ci sono in ballo temi davvero interessanti. Ci vogliamo concentrare nel post sul servizio di Frank Matano; la iena si occuperà di Kony 2012. Per chi di voi non lo conoscesse, Kony 2012 è un video – provocazione (ma non solo) caricato nel web con il record di visualizzazioni nella storia di internet: pensate, parliamo di più di cento milioni di visualizzazioni in pochi giorni, a partire dalla data di pubblicazione (5 marzo 2012). L’abbiamo definito un video – provocazione ma in realtà Kony 2012 è molto di più.

Il filmato, prodotto da una Ong americana, Invisible Children, racconta le drammatiche vicende che ruotano attorno alla figura di Joseph Kony, un guerrigliero ugandese incriminato per crimini contro l’umanità dalla Corte Penale Internazionale. Joseph è il leader di un movimento ribelle pseudo cristiano, il Lord’s Resistance Army (LRA), reso nella lingua italiana come Esercito di Resistenza del Signore. Inizialmente ben voluto dalla opinione pubblica, la deriva fanatica e i soprusi del movimento l’hanno reso un movimento pericoloso e terroristico. La teocrazia da loro invocata, rispecchia la personale rielaborazione dei Dieci comandamenti da parte di Kony, visto dai suoi seguaci come il nuovo messia. In nome di questa rinascita, Kony si è macchiato di crimini tra i più brutali come l’omicidio, lo schiavismo sessuale e lo stupro.

Seppur il governo ugandese abbia più volte nel corso della storia proclamato tale movimento definitivamente sconfitto, così non è nella realtà. Nel 2003 Jason Russel è uno dei fondatori dell’organizzazione no profit Invisible Children, con lo scopo di mettere fine al muro di silenzio e ignoranza creatosi attorno alla figura di Kony. Dal momento in cui l’associazione stessa ha chiesto l’aiuto di importanti figure della politica internazionale, primo fra tutti il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, la questione oltre ad assumere un carattere mondiale è diventata davvero complessa. Per quanto sia difficile capire quali e quanti siano gli obiettivi primari dell’agire di ogni singola nazione o capo di stato in tale questione, Kony 2012 rappresenta il tentativo di far sapere al mondo che c’è qualcuno che deve essere fermato.

frank-matano-iena-servizio-kony-2012

La iena Frank Matano si occuperà del video in questione, cercando di analizzarne le immagini (alcune delle quali realizzate ben dieci anni fa), e traccerà il profilo del regista e co – fondatore di Invisible Children che proprio in questi giorni è stato protagonista di uno spiacevole episodio: è stato arrestato perché sorpreso nudo per strada mentre si dimenava provocando danni alle macchine parcheggiate. La famiglia e la fondazione hanno chiarito che il comportamento di Jason è dipeso dal suo delicato stato psicologico e dallo stress di quei giorni (l’avvenimento è di poche ore successive alla pubblicazione e allo straordinario successo di Kony 2012).

Sempre nella puntata in onda questa sera in seconda serata, la iena Luigi Pellazza si occuperà della MCS. La Multiple Chemical Sensitivity è una rara malattia che, data l’impossibilità del soggetto di tollerare un dato ambiente chimico, provoca ipersensibilità a tutti gli odori, con la conseguenza di un forte fastidio alla gola e all’esofago fino a rendere difficile la respirazione. Attualmente non esiste una cura per questa malattia che scontrige molte persone a rintanarsi nelle proprie case fatte a misura e perdere, così, ogni contatto con la società.

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

2 Comments

  1. Renzo

    aprile 22, 2012 at 13:39

    Ragazzi, vi seguo da tempo e trovo la vostra trasmissione fantastica, ma vi prego prima di mandare in onda un servizio su Kony, informatevi davvero bene:

    http://www.youtube.com/watch?v=U4iL_4-xb3o

    non vorrei che fosse la solita “creazione artificiale” di un nemico per giustificare internazionalmente l’invasione di uno Stato nel quale, guarda caso, è stato da poco scoperto un enorme giacimento di petrolio.

    Lo so che non serve a niente in un TV filo-americana come quella italiana in genere, però … visto che siamo in clima di ribellione e cambiamento 🙂

    Ciao e buon lavoro, Renzo.

  2. Renzo

    aprile 22, 2012 at 13:41

    …scusate la gaffe. Non ho visto che il servizio era già andato in onda, andrò a vedermelo.

    Saluti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *