Madonna si sente in prigione: è un modo per pubblicizzare il suo nuovo album?

By on marzo 26, 2012
foto madonna live

text-align: center;”>foto madonna live

“Ci sono momenti in cui mi sento imprigionata. Tipo quando capisco che non posso fare quello che voglio. Ma avere dei figli, essere innamorata e avere qualcuno da amare mi libera da questa prigione”. Sembrerebbero le parole di una casalinga frustrata e invece a pronunciarle è nientepopodimeno che Madonna Louise Veronica Ciccone, che durante un’intervista ha espresso tutto il suo disagio per una vita da donna famosa. “Queste cose mi fanno sentire un essere umano, so di avere sempre un’altra scelta. Come quando torno a casa e sono stanca, chiedo al mio uomo di massaggiarmi i piedi. Lui mi dice: «No, massaggia tu i miei». Dietro le apparenze, sono come tutte le altre”. Parole che ai fan della popstar potrebbero far scorrere fiumi di lacrime, mentre a tutti gli altri lasciano più che altro una sensazione di stizza. E’ vero che la vita di un personaggio come Madonna non è tutta fatta di successi e soddisfazioni, ma resta quanto meno ridicolo ascoltare tali dichiarazioni da chi nello show-business ci ha sguazzato beatamente per una vita. Madonna è sicuramente la cantante internazionale che ha fatto meglio durante tutta la sua lunghissima carriera, ma questo non giustifica un’uscita del genere. La sua storia comincia nei primi anni ’80 quando questa ragazzotta del Michigan di origini abruzzesi ha avuto la capacità di catapultare le sonorità underground nel mainstreaming popolare (parliamo di pop appunto).

madonna-mdna-cover

Naturalmente fu un successo strepitoso, accolto e acclamato dai giovani adolescenti di quel tempo. Tutti quelli della generazione degli anni ’80 sono cresciuti a suon di canzoni di Madonna. E nonostante tutto questo tempo passato, Miss Ciccone riesce sempre a far parlare di sè. Un po’ perchè lo zoccolo duro dei fan ha messo radici ben salde, un po’ perchè fondamentalmente è l’unica cantante ancora sulla cresta dell’onda dopo tutti questi anni. Certo, rifatta da capo a piedi, ma pur sempre pseudo-ballerina e produttrice di successi commerciali che ancora oggi si ballano in discoteca. Madonna o la ami o la odi, dicono in molti. In realtà pur trovando numerose pecche nel suo percorso artistico c’è da riconoscere che sono stati diversi i tentativi di affacciarsi a generi musicali completamente diversi e sicuramente meno banali. Quando lo ha fatto, però, o è stata massacrata dalla critica o dagli stessi fan. Ha anche pubblicato dei libri per bambini e si è persino cimentata nel cinema, dove di successi ne ha raccolti ben pochi. Oltre ai disastri al botteghino, Hollywood è sempre apparso un mondo troppo lontano dalla sua portata, sia come regista che come attrice. In ogni caso questa donna (che sembra più un replicante) finora non ha mai mostrato pubblicamente le sue debolezze, anche quando ha floppato.

E ora questa dichiarazione sembra un tentativo mal riuscito di fare pubblicità al suo nuovo cd dal titolo MDNA in uscita oggi. Cd francamente bruttino, senza molte idee e con sonorità già fin troppo sentite. Anche la miglior canzone dell’album – Beautiful killer – è pericolosamente simile a Die another day del 2003, mentre il brano che ha suscitato molti apprezzamenti da critica e fan – Gang bang – scritta dal solito William Orbit, nel complesso risulta quello più distante dal tema classico pop-dance proposto nell’intero album, ma non è decisamente il capolavoro della sua carriera. Un progetto dal quale ci si aspettava una svolta decisamente più matura, per una donna “adulta” che non ha necessità di strizzare l’occhio a cheerleaders e a quindicenni zompettanti per confermare la sua popolarità. Poteva davvero essere per lei l’occasione di cambiare nuovamente la scena musicale, così come ha fatto in passato, e invece si è limitata a seguire la scia e a proporre l’ennesimo album dance-elettronico (ne sentivamo davvero la mancanza dopo LMFAO, David Guetta, Rihanna, Britney Spears, Jennifer Lopez, Lady Gaga, Pitbull ecc. ecc.) in cui le poche ballate non sembrano colpire minimamente il nostro entusiasmo.

Ma davvero Madonna ha bisogno di mostrare un lato umano che non ha mai avuto per vendere qualche disco in più?

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *