Magnifica Presenza di Ozpetek.”Il teatro è morto?” rispondono Margherita Buy ed Elio Germano

By on marzo 13, 2012

Il 16 marzo uscirà nella sale italiane il nuovo capolavoro di Ferzan Ozpetek Magnifica Presenza, una vera e propria poesia rivolta a un mondo sempre vivo e affascinante: quello del teatro. Il film racconta la storia di Pietro (interpretato magistralmente da Elio Germano), un giovane siciliano trasferitosi a Roma che coltiva l’ambizione di fare l’attore. Il ragazzo, fra un provino saltuario e l’altro, si guadagna da vivere sfornando cornetti ogni notte e cercando disperatamente casa. Una volta trovata sarà costretto a fare i conti con otto intrusi avvolti nel mistero che minacciano la sua agognata privacy. Sono elegantissimi, finemente truccati, eccentrici, perfetti danzatori e subito si scatenano mille ipotesi e mille perché sulla loro identità. Il regista Ozpetek, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa domenica scorsa, propone un film corale che scava nel passato glorioso e decadente degli anni Trenta legandosi al successo teatrale dei protagonisti della pellicola. Ma cosa è cambiato da quei tempi d’oro in cui il teatro rappresentava l’unico svago da una vita piena di preoccupazioni e precariato? Si può parlare di “morte del teatro” ormai offuscato dall’affacciarsi di nuove realtà come la televisione e il web?

I protagonisti del film Margherita Buy ed Elio Germano, affermati attori teatrali, difendono a spada tratta l’istituzione. “Il teatro regala un contatto diretto con il pubblico e ovviamente è giusto investire in una buona idea che funzioni e riesca ad emozionare chi la guarda” afferma l’attrice romana che ha collaborato con il regista turco in altri suoi lavori come Le fate ignoranti e Saturno Contro. Elio Germano prende a cuore il problema ricordato la mancanza di fondi e investimento nel settore teatrale italiano. “Ricordiamo che l’ETI (ente teatrale italiano) è stato chiuso due anni fa e al Teatro Valle è successo quello che è successo. E’ giusto investire nel teatro italiano e in idee che funzionano e possono avere successo. Aiutateci a continuare a renderlo possibile” ha confermato Germano

ferzan-ozpetek

Malgrado le difficoltà economiche che si trova ad attraversare, il teatro italiano, che vanta una tradizione antichissima e inestimabile, continua a esercitare sul pubblico un fascino particolare ed evocativo che lo spinge a partecipare sempre più numeroso alle rappresentazioni e la difesa di grandi professionisti come Margherita Buy ed Elio Germano dovrebbe essere presa in considerazione dalle istituzioni affinché preservino il valore e l’importanza di uno dei mezzi di comunicazione più forti al mondo.

About Mario Manca

Specializzando in Televisione,Cinema e New Media presso Libera Università di Lingua e Comunicazione Iulm di Milano. Ama e segue la televisione da una vita e desidererebbe dare un contributo attivo alla creazione di un modello televisivo teso alla qualità e intelligenza informativa con interventi autoriali mirati. Il suo modello di critica televisiva è Aldo Grasso e Madonna è la sua artista musicale preferita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *