“MasterChef Italia”: aperto il casting per la seconda edizione

By on marzo 10, 2012
casting aperto per masterchef italia

text-align: center”>casting aperto per masterchef italia

Mentre il canale satellitare Cielo sta mandando in replica assieme all’edizione Guest-star le puntate della prima edizione, conclusasi il 7 dicembre scorso, MasterChef Italia ha ufficializzato l’apertura del casting per la seconda stagione che ancora non ha una data di inizio. L’unica cosa certa è che a trasmettere il reality culinario stavolta sarà SkyUno. Per poter partecipare è necessario compilare il modulo disponibile alla pagina http://masterchef.sky.it/ dopo essersi registrati al sito di Sky. I requisiti per essere uno dei partecipanti sono: avere talento e fantasia in cucina (e una buona dose di conoscenza in fatto di alimenti) e la voglia di mettersi in gioco in televisione. La prima edizione è stata vinta dal trentasettenne Spyros Theodoridis, modenese di origine greca, che ha convinto i tre giudici Bruno Barbieri, Carlo Cracco (entrambi cuochi di alto livello) e Joe Bastianich (ristoratore) in tutte le prove e ha vinto 100.000 euro e l’opportunità di pubblicare un libro edito da RCS Rizzoli con le sue ricette originali. Il programma è stato apprezzato dalla critica soprattutto per la sua semplicità e per aver toccato alcuni delicati temi (come quello dell’omosessualità) con assoluta trasparenza. Gli sfidanti hanno dovuto vedersela con diverse prove. Ecco quali.

carlo-cracco-bruno-barbieri-e-joe-bastianich

Mystery box: i concorrenti devono realizzare in sessanta minuti un piatto usando tutti o alcuni dei dieci ingredienti rivelati all’apertura delle scatole. I tre giudici assaggiano i tre piatti più interessanti, e il vincitore avrà un vantaggio in quella successiva. Una variante consiste nell’usare obbligatoriamente l’unico ingrediente presente nella scatola. Invention test: i tre giudici assegnano un tema a cui gli aspiranti cuochi dovranno ispirarsi e il vincitore della Mystery box potrà scegliere l’ingrediente obbligatorio tra i tre proposti e avrà un certo tempo a disposizione per scegliersi gli ingredienti in dispensa, mentre gli altri concorrenti ne avranno solo la metà. La durata di questa prova è variabile, e i tre giudici, dopo aver assaggiato tutti i piatti, nomineranno sia il vincitore della prova sia i tre cuochi col risultato peggiore.

Sfida esterna: in questa prova gli aspiranti si dividono in due squadre e devono preparare dei piatti da servire in una particolare situazione. Il vincitore dell’Invention test può scegliersi i componenti di una squadra e, se previsto, i piatti da preparare. Uno o più convenuti giudicheranno la squadra migliore, mentre la peggiore dovrà sottoporsi al Pressure test. Pressure test: è la prova a cui si sottopongono i concorrenti della squadra che ha perso la sfida. Devono cucinare un piatto in poco tempo, e qui il peggiore è eliminato, oppure devono indovinare il maggior numero di ingredienti tra quelli disponibili (all’assaggio o alla vista) o il loro peso, e in questo caso chi ne indovina di meno è eliminato. Può anche capitare che il peggiore vada al duello. Il duello: il concorrente peggiore dell’Invention test deve sfidare il peggiore del Pressure test e il perdente sarà eliminato.

In attesa di scoprire le novità della seconda edizione potete farvi un’idea del programma con le repliche in onda dal lunedì al venerdì alle 11 e alle 20 su Cielo.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *