Matrix, stasera l’audio inedito di Roberto Ferrarini

By on marzo 6, 2012
Costa Concordia

text-align: justify”>Costa Concordia Davvero infinita, l’amara vicenda della Costa Concordia. Si arricchisce (o si impoverisce, dipende dai punti di vista) continuamente di nuovi colpi di scena. Nella puntata di Matrix che prenderà il via stasera alle 23.30, sarà trasmesso l’audio inedito di alcune telefonate in cui parla direttamente o viene citato Roberto Ferrarini,  responsabile dell’unità di crisi di Costa, indagato (insieme a due colleghi) per concorso in omicidio colposo e omissione di chiamate alla Capitaneria di Porto.

La prima telefonata, dunque, avviene alle 2.49 fra la Capitaneria di Porto e Costa Crociere: è la prima a contattare la seconda, badate bene. Avrebbe dovuto essere il contrario. La GC chiede a Ferrarini: “C’è qualcuno della company che possa venire qui su Livorno, che conosca bene la nave?”. Ferrarini assicura che “stanno venendo giù un nostro comandante e un nostro responsabile dell’ufficio sicurezza”, e intanto si informa circa il motivo della richiesta: “Servirebbe qualcuno qui presente- risponde un ufficiale della GC – così mi diceva il comandante. Evidentemente per capire anche com’è strutturata…”. Ferrarini assicura che le due persone prima citate si fermeranno a Livorno.

 

concordia

Il suo nome ritorna durante una telefonata fra il prefetto di Grosseto e il comandante della Capitaneria De Falco: il primo riporta la richiesta di far attraccare a Livorno la motonave Barcellona da parte del “responsabile della Costa Crociere” (cioè Ferrarini) “in modo da far pernottare il personale dell’equipaggio, che credo siano un migliaio di persone”, ma l’altro si altera sostenendo che la priorità debba andare alle “centinaia di persone nella nave, intrappolate”. Il Prefetto mostra di non esserne al corrente: “Centinaia?”. “Sì. Sembrerebbe di sì”, risponde il comandante De Falco. L’audio che sarà reso pubblico fra pochissimo accenderà nuove polemiche. Ed è davvero il minimo.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *