Mediaset superficiale, perde il dominio per una dimenticanza

By on marzo 27, 2012
Piersilvio Berlusconi, leader Mediaset

text-align: center”>Piersilvio Berlusconi, leader Mediaset

Se pensate che le grandi aziende siano immuni dall’idiozia vi sbagliate di grosso. L’ultimo colosso in ordine di tempo a caracollare sotto il peso di qualche stupidaggine è Mediaset, il polo televisivo in grado di rivaleggiare – e spesso vincere – con le reti del servizio pubblico. E’ successo quello che nessuno si aspettava: ha perso il suo dominio Mediaset.com. Può sembrare una cosa da niente, ma non lo è: buona parte dell’economia di un’azienda passa attraverso il web. Se poi si parla di pubblicità, poi, il tasso di influenza di internet cresce a dismisura.

Come ha fatto Mediaset a farsi sfuggire il dominio? Semplicemente ha smesso di pagarlo. E pensare che si trattava di poche decine di euro l’anno, la cifra classica (valida per tutti, piccole e grandi aziende, ma anche privati). Il problema vero però non è questo, bensì l’azione del proprietario, tale Signor Didier Mabida, di uno sconosciuto sito di e-commerce che ha comprato – nel frattempo che il polo della Fininvest non pagava – il dominio Mediaset.com. Dunque, l’azienda diretta da Piersilvio Berlusconi ha perso la proprietà del celebre indirizzo. Probabilmente il tizio chiederà del denaro a Mediaset, una specie di riscatto per concedere il dominio.

Piersilvio Berlusconi

Nel frattempo, però, appena saputo della perdita dello spazio Mediaset.com, la società di Cologno Monzese aveva deciso di percorrere le vie legali per giungere alla riassegnazione. Il Wipo (Association and Mediation Center) aveva però respinto ogni pretesa. Mediaset è intenzionata a fare ricorso, ma è improbabile una risoluzione della situazione a favore dell’azienda italiana.

La perdita del dominio non è l’unica grana che Mediaset sta affrontando in questo momento. Sullo sfondo, infatti, si stagliano i pessimi dati economici che rivelano un netto calo degli utili. Il motivo di ciò risiede nella contrazione degli investimenti pubblicitari e dunque, in ultima istanza, alla crisi. Ciononostante Piersilvio Berlusconi ha annunciato che non ci sarà nessun taglio al personale ma solo alla spesa più in generale.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *