Naufragio della Concordia, l’accusa di Domnica Cermotan: “A sbagliare fu un ufficiale”

By on marzo 14, 2012
Domnica, hostess della Concordia

text-align: justify”>Domnica, hostess della ConcordiaSono parole da valutare con attenzione, quelle dell’hostess moldava in servizio sulla Costa Concordia nel giorno del disastro del Giglio. La sua non è una semplice difesa di Francesco Schettino, il comandante su cui gravano pesanti indizi di colpevolezza, ma un vero e proprio contrattacco su più fronti: secondo Domnica Cermotan, su tutta la vicenda andrebbe fatta chiarezza, rimettendo al posto giusto i tasselli, a partire dalla responsabilità sulla manovra “fatale” che portò, in quella maledetta notte del 13 Gennaio, la gigantesca nave ad urtare gli scogli per poi incagliarsi rovinosamente. Invitando gli organi d’informazione a concentrare i loro sforzi nella giusta direzione, senza insistere sui dettagli scandalistici (come il presunto flirt tra lei ed il comandante), la giovane Domnica chiama in causa un ufficiale, responsabile di un grave errore nell’esecuzione dei comandi, cosa che provocò a quanto pare l’ira di Schettino e l’inutile tentativo di rimediare all’incidente procurato.

cermotan-domnica-costa-concordia

Rivelazioni che il settimanale Oggi ha pubblicato in esclusiva, con una lunga intervista a tutto campo alla donna che da buona parte della stampa era stata etichettata come “l’amante di Schettino”. Le mille ricostruzioni su quanto stesse accadendo sulla Concordia, sostiene Domnica, sono spesso state gonfiate di particolari inutili e fantasiosi, alcuni dei quali frutto di assurde forzature giornalistiche: “Voi italiani dopo il mio interrogatorio avete titolato “Amo Schettino”: e quando mai l’ho detto ai magistrati?”, puntualizza l’hostess della crociera, aggiungendo che “Schettino, la sera del 13 gennaio mi aveva fatto un baciamano. La giornalista inglese mi ha detto che il baciamano era troppo poco. Se non c’era un bacio non c’era storia e non avrebbero pubblicato niente”. Un’attenzione morbosa verso i dettagli più pruriginosi, a fronte di una tragedia di proporzioni enormi, con decine di vite umane spezzate e centinaia di posti di lavoro a rischio, oltre al disastro ambientale ancora da valutare, mentre (polemizza Domnica) “noi di cosa parliamo? Romeo Schettino e Giulietta Cemortan! Se ci pensate è pazzesco!”.

Frasi cariche di amarezza, che somigliano tanto ad uno sfogo dopo tante settimane di “accerchiamento” da parte di giornali e tv non solo italiani, ma di tutto il mondo. Ad ogni modo, sarà importante andare verificare la fondatezza delle dichiarazioni sulla dinamica dell’incidente, o meglio sull’esecuzione degli ordini negli attimi decisivi per la manovra incriminata: tutto materiale al vaglio degli inquirenti, dato che nella stessa intervista la Cermotan chiarisce di aver raccontato per filo e per segno ai magistrati la sua versione dei fatti.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *