Panariello non esiste: cambia l’Italia, cambia Panariello?

By on marzo 6, 2012
panariello-non-esiste

text-align: justify”>Panariello non esiste bilancio prima puntataDi fronte a 6.581.000 ascoltatori e il 27,29% di share del Panariello non esiste sono soltanto due le cose che si possono fare. La prima: accettare il risultato e battere le mani al vincitore; la seconda: essere colpiti da una amnesia momentanea e sparare a zero sullo show, criticando a destra e a manca, dall’alto della nostra comoda posizione. Noi cercheremo di non prendere nessuna delle due posizioni. Anzitutto c’è da dire che il risultato c’è. Quindi un plauso alla scelta di Mediaset di affidare il lunedì sera di Canale5 (sulla scia di quello in Rai di Fiorello) ad un comico tanto amato dal pubblico: è stata una mossa vincente. Ma torniamo a Panariello. Non so voi che leggete, ma per chi scrive il ricordo di Panariello si ferma a quel Torno Sabato da record (no nel senso di ascolti) che rallegrava il sabato sera degli italiani.

Niente Sanremo, niente cinema un po’ zoppicante, ma quello show in cui il comico riusciva a scherzare accanto a Renato Zero e ad altri grandi nomi della musica e dello spettacolo. Lo show per lo show: era questa la formula vincente. E,con la mente al passato, proprio non si possono dimenticare i tanti personaggi a cui Panariello diede vita. Ad ognuno il compito di raccontare, con semplice ironia, un’Italia di lavoratori. (Sfoglia la gallery con i momento più esilaranti del Panariello non esist; subito dopo il salto).

le-scarpe-di-nina-zilli-panariello-non-esiste

Cosa è rimasto di Torno Sabato nel Panariello non esiste? Partiamo magari da ciò che è cambiato. Senza dubbio è cambiata l’Italia. Panariello lo sa e decide di rendere il suo show socialmente (passateci il termine) impegnato. Immancabili quindi i monologhi sulla difficile situazione dell’Europa, sul ruolo della Merkel e sul proliferare di cronaca nera nei programmi d’intrattenimento italiani. In realtà il risultato non è poi così male. Con un vecchio amico come Vincenzo Salemme (nei panni della Merkel) la scenetta è divertente. Poco apprezzato dal popolo del web, e forse poco apprezzabile, il siparietto con Salvo Sottile e Italia’s Got killer: siamo così stufi della cronoca nera in tutte le salse possibili e immaginabili che non ne vogliamo sentireparlare neppure per ridere.

Gli spazi di Nina Zilli e Tiziano Ferro forse corrono troppo in fretta. Certo qui è questione di gusti. In giro si legge che la Zilli è antipatica. Mah. A noi è sembrata in gamba e anche portata per uno show dove magari sarebbe bello vederla più in gioco. Emozionanta l’omaggio a Lucio Dalla.

Insomma, per farla breve, c’è da capire cos’è che non ci va bene. La comicità più matura di Panariello o l’Italia che va a rotoli? Lasciate i vostri commenti e fateci sapere cosa avete apprezzato e cosa non vi è affatto piaciuto del nuovo show di Panariello.

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

3 Comments

  1. SCHATZELE

    marzo 6, 2012 at 11:43

    No, mi dispiace, ma Panariello non mi è piaciuto, per nulla! E glielo ho anche scritto sul sito di facebook. Come mi dispiace!!! Vederlo cosi allineato alla linea del Padrone mi ha fatto male, molto male. Giorgio è uno spirito libero, uno che non si è mai assoggettato a nessuno, ha fatto le sue performance sparando a destra e a manca, tipo in do cojo cojo, e vederlo ora, trasfigurato, di blu vestito, canalizzatocinque, mi fa specie. Giorgino io ti rivoglio con l’improntitudine di Mario il bagnino uno su tutti, ti rivoglio quello di Aria Fresca, di Vernice Fresca!!! Cosa ci incastra quella pietosa macchietta di Sarkozy e Merkel? Giorgio tu non sei quello, chiedi più spazio per dimostrare che uomo di spettacolo sei diventato. Sei un ONE MAN SHOW, non te lo dimenticare mai!!! Finisci questo malaugurato contratto e poi………….poi torna libero di esprimerti secondo i TUOI CRITERI. Ti voglio bene.

    • Gianrico D'Errico

      marzo 6, 2012 at 11:49

      a questo punto non rimane che sky se lo vogliamo in tv….

  2. pippo

    marzo 7, 2012 at 17:41

    Bella trasmissione ma con un episodio che avrebbe meritato un proseguo differente,
    mi riferisco a quando T. Ferro ha espresso tutto il suo rammarico per l’interruzione della tournee di L. Pausini e di come capisse il momento di sofferenza che questa stesse passando, senza menzionare minimamente il povero cristo che c’è morto e i feriti, se non per interesse almeno per stile. Panariello avrebbe dovuto ,da subito, riportare le priorità nel loro giusto ordine, prima la vita, poi la tournee della pausini.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *