Panariello non esiste: la diretta della terza puntata

By on marzo 19, 2012

Ritorna stasera in prima serata su Canale Cinque il fortunato varietà Panariello non esiste che lunedì scorso ha registrato il 21,80% di share con 5.389.000 spettatori. Dopo aver rinunciato ai forti toni di denuncia sociale, Panariello è tornato alla leggerezza di un varietà ben congeniato guadagnando in qualità ma perdendo in ascolti rispetto al suo debutto (stroncato dalla critica malgrado il buon risultato di pubblico ottenuto). Allora al via questa terza puntata e ai suoi importanti ospiti: interverranno sul famoso palco dello storico Studio 5 di Cinecittà Claudio Baglioni, Massimo Ranieri, Giuliano Sangiorgi (cantante dei Negramaro), Rocco Papaleo e Alessio Vinci.

Il tema della serata è improntato sul confronto fra generazioni diverse, sul rapporto fra grandi e piccoli sempre più lontano che sarà affrontato dal comico toscano con l’intelligenza e l’ironia che lo contraddistingue. Al suo fianco sempre Nina Zilli che, malgrado abbia una splendida voce, non riesce ancora a convincere come valletta dimostrandosi insicura e a tratti spocchiosa. Seguiamo insieme la diretta della puntata qui sotto.

panaiello-non-esiste-lecter

21.25: La puntata inizia con Rocco Papaleo vestito in frack che introduce “la creaturaGiorgio Panariello tessendo le sue doti artistiche. Il conduttore, nelle vesti di Frankestein, fa il suo ingresso sul palco e i due comici si cimentano in un balletto comico.

21.29: Dopo il balletto iniziale, Panariello saluta il suo pubblico ringraziandolo per il calore e l’affetto. Fa innanzitutto gli auguri a tutti i papà d’Italia e ironizzando sulla sua veneranda età: “mi sento ancora un ragazzino“. Si affronta poi il problema delle nuove generazioni dotate di nuovi interessi e di un nuovo linguaggio. Ironizza sul fatto che non esistano più le nonne di una volta in grado di raccontare favole e proporre metafore come le tre civette sul comò (“la civetta che fa l’amore diventa un po’ come la Carfagna“)

21.41: Sale sul palco Massimo Ranieri e con il conduttore canta Rose rosse. Panariello si rivolge al cantante parlando delle sue origini napoletane e del suo attaccamento a Firenze. I due cantano Porta un bacione a Firenze. In collegamento con Ranieri c’è Renato Zero (alias Panariello) che scambia il cantante per l’allenatore dell’inter Ranieri e gli propone una collaborazione artistica.

21.48: Nel salone di Zero-Panariello entra Claudio Baglioni che si trova a rammendare gli indumenti del padrone di casa.

21.49: In studio entra l’attore Massimo Ghini per alzare il livello artistico e culturale della trasmissione dell’amico Panariello leggendo un estratto del Conte di Carmagnola di Alessandro Manzoni. Ma l’atmosfera è interrotta dal motto “il marsupio si si si” del disturbatore Panariello. Peccato che Ghini sfoggi da sotto il leggio una gonna succinta che fa da concorrenza al marsupio del conduttore.

21.59: Dopo l’interruzione pubblicitaria, Panariello intona una strofa di Quanto t’ho amato. Il comico si chiede come sia cambiata la concezione dell’amore da Dante ai tempi ti twitter e facebook. “Facebook serve per rimorchiare” afferma il conduttore ricordando le vecchie dichiarazioni amorose dei suoi tempi su tronchi d’albero e corteggiamenti infiniti. Dove sono i poeti di una volta a cominciare da Shakesperare? Si ironizza quindi sulle scritte sgrammaticate sui muri di dichiarazione d’amore.

22.07: Entra l’attrice Martina Stella che si intrattiene con il conduttore affermando che occorre aggiornarsi al giorno d’oggi come d’altronde i cantanti. I due improvvisano la scena finale di Romeo e Giulietta modernizzandola e ambientandola su un letto verticale.

22.20: Torniamo in studio e troviamo il cantante Claudio Baglioni che, accompagnato dal figlio chitarrista Giovanni, canta Via. Il pubblico esulta e si alza in piedi per l’ottima performance e Panariello interviene ringraziando padre e figlio e ironizzando sulla condizione di babbo d’arte di Baglioni.

22.29: Si ritorna in casa Zero-Panariello che riceve una multa da un vigile impertinente al quale il cantante dedica un autografo.

22.31: Il corpo di ballo si esibisce in una spettacolare danza robotica sia nei costumi che nella musica di sottofondo.

22.34: Zero-Panariello telefona all’amico Roberto Giacobbo, conduttore di Voyar, chiedendogli ragguagli più precisi sulla fine del mondo ad opera dei Maya. “Ma seguiranno l’ordine alfabetico?Perché se è cosi..Mi salvo!“.

22.36: Sul palco sfreccia una macchina che sorprendentemente si apre rivelando l’identità del conduttore in veste di Trasformers che ribadisce l’enorme difficoltà a trovare parcheggio in Italia.

22.38: Sulle note della sigla di Matrix, entra in scena Alessio Vinci con una notizia straordinaria: il tunnel da Ginevra al Gran Sasso in grado di compiere viaggi nel tempo. Ed ecco comparire Zoloastro da Peledola (alias Panariello), seguace del grande Leonardo Da Vinci.

22.50: Nina Zilli canta Io che ho amato solo te mentre due ginnasti si esibiscono in un numero soave e complesso. Dal pianoforte che l’accompagnava, esce Luigi-Panariello con il suo gilet scintillante e il suo accento brasiliano. Il ballerino presenza la sua collega brasiliana con occhiali scuri e parrucca riccia e folta: è Martina Stella.

22.57: Di nuovo casa Zero-Panariello alle prese con la cena. Dopo aver tentato di preparare una zuppa decide di optare per una pizza consegnata celermente dal fattorino che gli chiede dieci euro.

22.59: Nuovo monologo del conduttore rivolto alle nuove generazioni e all’ansia di correre dietro alla tecnologia.

23.07: Terminato l’intervento il comico toscano ci propone nuovamente il suo personaggio nullafacente e pigro: Sirvano.

23.13: Giuliano Sangiorgi suona il piano e propone il meglio del suo repertorio partendo dalla canzone Solo tre minuti. Panariello lo ringrazia per aver partecipato al suo show e ironizza su come altri conduttori canterebbero le sue canzoni.

23.29: Panariello parla delle aspirazioni lavorative dei bambini di oggi e intanto entrai Massimo Ranieri truccato di bianco e con matita nera intorno agli occhi, tipica maschera teatrale che cerca di istruire il comico toscano su questa nobile arte. Armati di cappello e bastone i due cercano di proporre una camminata degna di Chaplin.

23.42: Nuovo monologo generazionale su ciò che sia cambiato o meno fra un’epoca ormai lontana e il giorno d’oggi. Panariello ricorda la testimonianza di un anziano dall’accento toscano che interpreta sul palco. Il tutto accompagnato dalla leggerezza di  una ballerina di carillon. L’anziano Panariello raggiunge la ragazza e ballano insieme: da uomo anziano, dopo l’abbraccio della donna, ne esce un bambino innocente che lascia lo studio accompagnato dal suono di una tromba.

23.56: Rocco Papaleo interagisce con Giorgio Panariello parlando della sua comicità e del mito di essere popolare. Irritato dalle critiche di Papaleo il conduttore distrugge la chitarra in suo possesso e i due iniziano a strapparsi a vicenda le giacche e i pantaloni fino a rimanere in mutande.

0.02: Casa Zero-Panariello. Il cantante si lamenta con l’architetto per avergli realizzato una sedia priva di un bracciolo.

0.03: Giuliano Sangiorgi canta Sarà per te dedicandola a Francesco Nuti. Panariello invita poi il pubblico più giovane a informarsi sulle opere di Nuti.

0.14: Nina Zilli canta L’amore verrà. Panariello presenta poi i suoi “tronisti“: giovani ragazzi laureati e talentuosi. Dopodiché il comico toscano propone un nuovo monologo riferendosi all’autostrada e al rallentamento per via della pattuglia della polizia stradale. Così entrano in studio due membri della Polizia di Stato insieme a Massimo Ghini e il conduttore lancia una pubblicità progresso legata alla guida in stato di ebrezza.

0.24: Panariello lancia l’iniziativa portata avanti durante la puntata di raccolta di fondi per il reinserimento domiciliare dei pazienti. Dopo aver ringraziato le autorità intervenute per il lancio di questo importante messaggio, Panariello richiama sul palco Papaleo  che canta Come vivere.

0.33: Panariello ringrazia i suoi ospiti e augura buonanotte al suo pubblico.Fine della trasmissione.

About Mario Manca

Specializzando in Televisione,Cinema e New Media presso Libera Università di Lingua e Comunicazione Iulm di Milano. Ama e segue la televisione da una vita e desidererebbe dare un contributo attivo alla creazione di un modello televisivo teso alla qualità e intelligenza informativa con interventi autoriali mirati. Il suo modello di critica televisiva è Aldo Grasso e Madonna è la sua artista musicale preferita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *