Piazza pulita: la piazza vera discute di lavoro

By on marzo 23, 2012

text-align: justify”>Formigli fa parlare la piazza In questi giorni non si discute di altro. In televisione, sui giornali, al bar o in ufficio si discute  della riforma del lavoro. Lo ha fatto anche Piazzapulita nella sua ventottesima puntata. Nella puntata “La Riforma che spacca” Corrado Formigli si è occupato di lavoro, mettendo in luce vari aspetti. Collegamento con una fabbrica Marcegaglia e con i lavoratori iscritti alla Fiom. Si comincia con la piazza vera, senza filtri, si percepisce il racconto del paese reale. Lo stile è santoriano ma questo si sa. La Gelmini per il Pdl e Orfini per il Pd si limitano al politichese. Si parte parlando dell’articolo 18, si discute con i favorevoli e con i contrari, c’è spazio per chi la pensa diversamente. Stupisce la storia di Devis Bonanni conosciuto come Pecoranera. Pecoranera è anche il titolo del suo libro nel quale racconta come si vive con pochi soldi.  Vive da tempo con soli 200 euro. In un contesto fortemente consumistico questo stile di vita sembra essere controcorrente. Pecoranera racconta con estrema semplicità come vivere con pochi soldi bene, concedendosi anche il cioccolato ogni tanto. Bonanni segue il filone aperto già dalla tedesca Heidemarie Schwermer nel suo libro Vivere senza soldi. Raccontare come vivere senza soldi o come gestire i soldi in tempi di crisi economica è sicuramente di attualità. 

 

cartello-piazzapulita-durata-governo-monti

La puntata affronta la crisi e il lavoro da vari punti di vista. Si discute dell’articolo 18 e la Gelmini prende i fischi dalla piazza, mentre ci si sofferma sulla difficile posizione del Pd in questo momento. L’argomento è caldo e le testimonianze arrichiscono la puntata. Mentre si ha la sensazione di una lotta tra poveri, arriva l’amarezza. 8.604 operai forestali in Calabria che però l’inviato non riesce ad incontrare, uno spreco di soldi che costa allo stato 250 milioni di euro all’anno. Formigli gestisce bene, i collegamenti aiutano il ritmo e i servizi sono ben curati. La puntata è ben scalettata e pluralista ma in alcuni momenti prende la piega della difesa dei lavoratori contrari all’abolizione dell’articolo 18. Anche questa settimana è stata fatta Piazzapulita o solo chiacchiere fine a se stesse?

About Giuseppe Candela

Nato a Nocera Inferiore(Sa) si è laureato in Scienze della Comunicazione con una tesi sulla comunicazione politica dal titolo “Pop o Papi? Vizi privati e pubbliche virtù. L’assenza-essenza dei media”. Si sta specializzando nell’ambito televisivo. Appassionato di calcio, di politica e soprattutto del piccolo schermo, ha collaborato e collabora con tv e giornali locali. Da settembre 2009 è opinionista a “Domenica in L’Arena” su Raiuno. Ha scritto e condotto eventi che hanno avuto risonanza nazionale. Guarda con occhio critico la televisione senza nessun pregiudizio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *