Raoul Bova, “Come un delfino 2”: fra fiction e realtà

By on marzo 25, 2012
raoul bova come un delfino

text-align: justify”>raoul bova come un delfinoIn questi giorni Raoul Bova è spesso a Ostia Lido, sul set di Come un delfino 2 (in tutto quattro puntate), seguito della fiction trasmessa con grande successo, circa un anno fa, su Canale 5. Bova non è soltanto il protagonista, ma anche il produttore tramite la sua Sanmarco, creata insieme alla moglie Chiara Giordano. E tiene molto, moltissimo a questo progetto: “L’ ispirazione – spiega il bell’attore al Corsera – mi è venuta dall’ esperienza che, da un paio d’ anni a questa parte, porto avanti con la casa famiglia della Fondazione Capitano Ultimo”. Bova, come quasi tutti sanno, interpreta un ex campione di nuoto con problemi al cuore, che decide di dedicarsi anima e corpo alla riabilitazione sociale di un gruppo di giovani sbandati, i Ragazzi del Sole.

E mai come in questo caso, la finzione si mescola alla realtà: “Alcune scene – continua Bova – le andremo a girare proprio nella sede della nostra vera casa famiglia, Parco della Mistica, alle porte di Roma”.La Fondazione ospita ragazzi tra i 10 e i 18 anni, tutti con drammatiche storie alle spalle: “alcuni sono orfani, altri hanno famiglie devastate dalla violenza, dalla miseria, altri ancora con i genitori in carcere o tossicodipendenti. Se ci sono dei fratelli, si tende a non dividerli, ma non siamo noi a sceglierli, ci vengono assegnati dal tribunale dei minori”.

raoul-bova-barbara-bobulova

La cosa bella è che, dopo aver visto la prima serie di Come un delfino, alcuni fra gli ospiti della casa famiglia “hanno voluto intraprendere – svela Raoul – lezioni di nuoto: è importante, perché soprattutto nel nuoto non si può barare”. Certo, a volte le cose si fanno parecchio difficili. A volte qualcuno scappa, altri non accettano di condurre una vita “regolare”, altri sono difficilmente gestibili. Ma Raoul non molla. E il bilancio di questi primi due anni di attività è “positivissimo. Il merito va soprattutto a Sergio De Caprio, ovvero Capitan Ultimo. È con lui che abbiamo deciso di ingaggiare una battaglia a favore della legalità, recuperando dal basso dei futuri adulti, altrimenti destinati al crimine”. Come un delfino 2 si può considerare un successo annunciato. E c’è da scommettere che avrà ancora effetti positivi su quelle anime che rischiano di perdersi. Bravo Raoul!

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *