Saviano e Fazio, Ma l’amore no: dalle Officine Grandi Riparazioni, ma è già polemica

By on marzo 16, 2012
Fazio Saviano Ma l'amore no

Dopo quasi un anno e mezzo di distanza, Fabio Fazio e Roberto Saviano preparano il ritorno in televisione in coppia con una sorta di Vieni via con me formato La7. Dopo il grande successo mediatico della trasmissione, che andò in onda per quattro appuntamenti su Rai3, tornano con Ma l’amore no, format ispirato nel titolo alla canzone omonima di Lina Termini degli anni ’40 (non a quella di Arisa, se per caso ci stavate pensando). Il debutto, ancora lontano, è previsto per 13 maggio per proseguire con il 14 (e l’ipotesi di prolungare fino al 15). Già nel 2010 Vieni via con me suscitò polemiche per i temi trattati ma anche ascolti da record (per la rete ed anche in generale). Ma per la nuova edizione targata La7, le polemiche dilagano anche per la location della trasmissione. In diretta da Torino presso le Officine Grandi Riparazioni ma c’è già chi si oppone. Partiamo dal principio. Le Officine, che attualmente ospitano diverse mostre sui 150 anni dell’unificazione nazionale, sono un luogo fortemente simbolico: lì si riparavano i treni e con il tempo le officine sono diventate simbolo dell’innovazione e del genio italiano, trasformandosi anche in uno dei più importanti centri espositivi della città.

A sollevare dubbi in proposito, un consigliere comunale del Pdl, Maurizio Marrone, secondo il quale le Officine ospitando il programma di Fazio e Saviano diverrebbero a tutti gli effetti una “sezione di partito”  poiché il programma che ospitano è “così (evidentemente, ndr) politicamente di parte”. Polemiche che lasciano il tempo che trovano. Del resto il motivo per cui i due presentatori hanno voluto fortemente che Ma l’amore no fosse trasmesso dalle Officine Grandi Riparazioni è per intercettare pubblico e risonanza del Salone del Libro che, negli stessi giorni della diretta del programma, riunirà nelle Officine i rappresentanti e le migliori menti della letteratura nazionale. Il filo diretto con Vieni via con me è assicurato, oltra che da Fazio e Saviano, dallo steszo regista, Duccio Forzano, dalla scenografa riconfermata, Francesca Montinaro, e dal direttore della fotografia Daniele Savi.

fazio-e-saviano

Questi e altri particolari fanno capire che la parola sarà ancora una volta al centro del dibattito presentato da Fazio e Saviano. Una parola che permette di parlare di politica, trattare dei problemi della società e della vita, regalando a colui che ascolta, la possibilità di affrontare tutto questo con una vena romantica, a tratti malinconica, che ci rende ancora uomini capaci di pensiero.

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *