Speciale Servizio pubblico: A un passo dalla verità. La trattativa Stato-Mafia in onda su Cielo

By on marzo 19, 2012

text-align: center”>Servizio pubblico: inchiesta speciale trattativa stato-mafia

Dopo lo speciale di due settimane fa dedicato alla battaglia No-Tav in Val di Susa, Michele Santoro e la sua squadra di giornalisti tornano in prima serata con una puntata-reportage di Servizio pubblico in esclusiva su Cielotv (canale 26 del dtt). A un passo dalla verità è il titolo dello speciale in onda stasera alle 21.00 sul canale free di Sky e in streaming sul sito del programma ServizioPubblico.it e su IlFattoQuotidiano.it. Si torna a parlare dell’inquietante trattativa tra Stato e mafia a cavallo fra gli anni ’80 e ’90 che sembra trovare conferma nei recenti sviluppi dei processi in corso a Firenze e a Caltanissetta. Sull’onda della richiesta di annullamento della sentenza di condanna per concorso esterno in associazione mafiosa contro Marcello Dell’Utri, Michele Santoro aveva dedicato al tema delle stragi di mafia la puntata di Servizio Pubblico in onda giovedì scorso, con la commovente testimonianza della vedova Borsellino, l’intervista al figlio del boss Bernardo Provenzano e quella a Massimo Ciancimino, figlio del sindaco mafioso di Palermo Vito Ciancimino, morto nel 2002. Una puntata dedicata agli inquietanti interrogativi che ruotano intorno alla trattativa tra pezzi deviati dello Stato e Cosa Nostra, un’ipotesi che sembra sempre più verosimile e che potrebbe essere il movente dell’attentato a Paolo Borsellino, identificato come ostacolo ai rapporti delle Istituzioni con la Mafia.

Stasera su Cielo si torna a parlare delle verità nascoste, deviate dai depistaggi ma forse oggi vicine ad essere scoperte: “Perchè fu ucciso Paolo Borsellino? Chi spinse la mafia verso la deriva terroristica? Quali segreti tacciono, ancora oggi, i protagonisti di quella stagione?“. Sono queste le domande cui si cercherà di dare una spiegazione attraverso inediti documenti video tratti dagli atti giudiziari delle inchieste sulla strage di Via D’Amelio e sulla trattativa. Durante il programma saranno trasmesse interviste esclusive che i giornalisti di Servizio pubblico hanno realizzato ad alcuni personaggi legati a vaio titolo alle inchieste in corso: l’intervista di Dina Lauricella ad Angelo Provenzano, figlio del capo di Cosa Nostra Bernardo, già in parte trasmessa giovedì scorso, sarà in onda in versione integrale.

angelo-provenzano-a-servizio-pubblico

Sandro Ruotolo ha intervistato in esclusiva per Servizio pubblico il collaboratore di giustizia Angelo Siino, il primo pentito a parlare ai magistrati della trattativa Stato-Mafia. Infine, ci sarà l’intervista al collaboratore di giustizia Francesco Di Carlo, il pentito che ha rivelato i rapporti tra Marcello Dell’Utri e la mafia siciliana, facendo esplicito riferimento al suo legame con lo stalliere di Arcore, il boss Vittorio Mangano più volte definito un eroe” per il suo silenzio dal senatore e cofondatore di Forza Italia. Un intreccio perverso tra mafia e politica che ancora oggi attende di essere svelato. Non a caso il reportage di Servizio pubblico sarà trasmesso questa sera, per celebrare la giornata nazionale in memoria delle vittime di tutte le Mafie, che cade proprio il 19 marzo.

L’appuntamento con A un passo dalla verità è per stasera alle 21:00, in esclusiva su Cielo, al canale 26 del digitale terrestre e in diretta streaming sui portali web www.serviziopubblico.it e www.fattoquotidiano.it

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *