The Show Must go off sempre più giù, e intanto Elio e le storie tese si consolano con un tour

By on marzo 17, 2012
Serena Dandini fa flop

text-align: center”>Serena Dandini fa flop

Il flop di The show must go off, onestamente, ben pochi se lo aspettavano. O almeno non un flop di queste proporzioni. Partito male, sta proseguendo malissimo. L’ultima puntata, quella del 10 marzo, ha fatto segnare un picco negativo e ha pure sfondato una barriera psicologica, quella del 2% di share: solo l’1,99 per Serena Dandini sabato scorso.

Eppure, il programma è godibile. Certo, ha un ritmo un po’ compassato che forse mal si addice al sabato sera, letteralmente presidiato da Italia’s Got Talent e dalla sua frenesia (il programma di Canale 5 si è comunque conluso). Tuttavia, offre al pubblico un paio d’ore gradevoli, una discreta dose di divertimento e anche punte di approfondimento radiotelevisivo. Nondimeno, non mancano ospiti illustri: la scorsa settimana si è seduto accanto alla Dandini nientemeno che Danny De Vito (cliccate qui per conoscere i dettagli dell’intervista).

Ma allora dove sta il problema? Il fallimento di The show must go off non è imputabile in toto alla concorrenza spietata. Il Giornale, quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, ha offerto un’interpretazione politico-culturale e ha allargato l’analisi anche a Robinson di Luisella Costamagna e Le invasioni barbariche di Daria Bignardi. L’origine degli scarsi ascolti risiede nel loro essere ‘anti-cav’ (anti-berlusconiane). Prendere di mira Berlusconi non fa più audience, tutto questo mondo appartiene ormai ad un’altra epoca. Il fatto che, in buona parte, la tematica sia realmente scomparsa dagli show delle tre conduttrici, non contribuisce a scrollar loro di dosso questa etichetta.

Serena Dandini

Ad ogni modo, gli Elio e le storie tese, ‘band di support0’ al programma, stanno cercando di consolarsi facendo musica. Sono infatti impegnati in un tour a livello nazionale. Stasera saranno a Brescia. La storica formazione, composta da  Rocco Tanica (pianola), Cesareo (chitarra alto), Faso (chitarra basso), Christian Meyer (batteria), Jantoman (ulteriori pianole) e Paola Folli (cantante), suonerà i classici del gruppo più qualche inedito.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *