Un due tre stella, riflessioni sulla seconda puntata. Il nuovo corso di Sabina Guzzanti

By on marzo 22, 2012
Lo show di satira e attualità della Guzzanti

text-align: justify”>Lo show di satira e attualità della GuzzantiMancano gli acuti, non ci sono i tempi giusti per catalizzare l’attenzione di un pubblico più vasto, ma rimangono tanti i motivi per seguire Un due Tre Stella: innanzitutto l’autenticità dei contenuti, poi le ottime performances di Caterina Guzzanti e  Nino Frassica, ed infine (soprattutto) l’inalterato talento (sebbene stemperato da un’inclinazione ormai più riflessiva e “militante”) di Sabina Guzzanti. In apertura lo spazio è per Frassica, ideatore della rubrica “Antiprimi”, rassegna ironica sui programmi televisivi, con particolare attenzione alla battaglia a colpi di cronaca nera tra La vita in diretta e Pomeriggio Cinque. Caterina Guzzanti si presenta invece in un collegamento che fa il verso agli speciali di Porta a Porta, Quarto Grado, o ancora a La vita in diretta, con la morbosa attenzione riservata ai più macabri dettagli degli omicidi. L’inviata gioca ad indovinello col carabiniere sull’arma del delitto ai danni di una piccola vittima: “mestolo, coltello, cucchiaio…? No, grattugia!”, l’interrogativo che richiama le celebri cronache di Cogne, Avetrana ed altri crimini visti e rivisti in tv.

nino-frassica-un-due-tre-stella

Il tenebroso e obbediente Mario Monti (altro punto fermo del programma, la parodia del Presidente del Consiglio) cerca di conquistare l’opinione pubblica, facendo battute che “non si devono capire, che fa tanto Nord Europa!”, come suggerito dalla voce fuori campo (modello Full Metal Jacket, per il severo addestramento al suo “tecnico di fiducia” ) del Presidente Napolitano. Con l’ospite Stefano Rodotà, costituzionalista ed ex Garante della Privacy, Sabina Guzzanti prova a proporre una riflessione sull’agibilità democratica in Italia ed in Europa, mentre Ugo Mattei, giurista e sostenitore attivo dei quesiti referendari, segnala anche stavolta il mancato rispetto della volontà popolare da parte dell’attuale governo.

Alla lunga parentesi di approfondimento politico seguono due momenti comici, con la sgrammaticata cronaca dell’Isola dei famosi fatta dalla rediviva Valeria Marini imitata con la dovuta “cattiveria”. Altro personaggio confermato, la giovane parlamentare del Pdl, uscita dalla scuola di formazione di Brunetta, e rappresentata come una sorta di macchinetta da talk show, allenata in modo scrupoloso alle tecniche di interruzione e lite in diretta. La fiction “La banca della Magliana” e il finto trailer “Forrest Gelli” picchiano duro sui legami tra governo e poteri forti (anzi, le allusioni sono anche ad altri generi di poteri, occulti). L’imitazione di Barbara Palombelli, “giornalista moglie e madre, mentre Francesco è marito, politico e padre”, dà l’aggancio ideale per sfiorare uno dei temi della settimana, l’inedita sfuriata di Rutelli da Lucia Annunziata, “in una delle rare occasioni in cui stava facendo il suo mestiere”: parole messe in bocca dalla Guzzanti al suo personaggio, per tributare una piccola stoccata alla conduttrice di In Mezz’Ora che proprio domenica scorsa si era lamentata della sua imitatrice.

In chiusura torna Frassica nei panni del mago Acirf ass (nient’altro che l’anagramma del suo nome), affiancato da un chiassoso e  stravagante angelo custode, con l’oroscopo del giorno dopo. Una scelta non casuale, quella di affidare le ultime battute al comico siciliano, valore aggiunto di un programma ancora in rodaggio ma dotato di buone frecce nell’arco di Sabina Guzzanti.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *