Viriginia Raffaele: “Sono cresciuta in un luna park”, Le invasioni barbariche, 9 marzo

By on marzo 10, 2012
La comica Virginia Raffaele

text-align: center”>La comica Virginia Raffaele

Ieri sera, come ogni venerdì, è andato in onda in prima serata su La 7 Le invasioni barbariche, talk show di attualità condotto da Daria Bignardi. Ad aprire le danze è stata la comica Virginia Raffaele, conosciuta per le imitazioni a Quelli che il calcio (e precedentemente a Mai dire..). L’imitatrice, bellissima nel suo abito corto che lasciava scoperte le gambe, ha ‘sfottuto’ qualcuno dei personaggi famosi sui quali incentra il suo lavoro. E’ toccata inizialmente a Belen Rodriguez, presa in giro mettendole in bocca dichiarazioni non proprio ‘da femminista’. Poi è stato il turno di Ornella Vanoni, presa in giro per la mania del sesso che viene da tempo appioppata (scherzosamente) alla cantante emiliana. In entrambi i casi l’imitazione di Virginia Raffaele è apparsa davvero realistica – impressionante soprattutto la mimetica facciale di Belen – anche se a volte ‘caricaturizzata’ (per far ridere di più).

Daria Bignardi è rimasta colpita dall’avvenenza di Virginia Raffaele, a tal punto da esclamare: “L’attrice comica dovrebbe essere… non dico bruttina… Ma non così gnocca come te!” A questo complimento l’ospite ha reagito ridendo un po’ imbarazzata e giustificandosi così: “ma non è vero! Ci sono i trucchi! Guarda che sono truccata! E comunque ci sono state nella storie attrici anche molto belle. Penso a Loretta Goggi e alla Marchesini”. La Raffaeli ha anche parlato della sua vita privata e in particolare della sua infanzia. Un’infanzia veramente strana.

Daria Bignardi

Virginia Raffaele è infatti cresciuta in un luna park. Non è il sogno di ogni bambino vivere in un parco giochi? L’attrice però in quel luna park ci lavorava: “I miei nonni avevano un circo e lavoravano al luna park dell’Eur. Mia nonna faceva l’acrobata e la cavallerizza. Una vita particolare, ma piena di sacrifici, ma adesso è stato chiuso. Ogni volta che passo da quelle parti e vedo che non c’è più divento triste”.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *