White White Week, Pasqualina Sanna: con gli altri concorrenti non passerei più di una settimana

By on marzo 21, 2012
pasqualina-sanna-intervista

text-align: justify”>Pasqualina Sanna White White WeekUn paio di giorni fa vi avevamo parlato di White White Week, il  nuovo reality di La3, canale 143 di Sky che, dopo una settimana di backstage e anteprime, ha debuttato ufficialmente lunedì 19 marzo. Al timone della nuova avventura l’ex iena Peppe Quintale. Il nuovo format si basa sul tentativo di mescolare assieme reality e sport coinvolgendo quattro concorrenti in un’avventura tutt’altro che facile e riposante: imparare  a sciare e sfidare la loro idiosincrasia nei confronti della montagna. Lanostratv ha intervistato per voi Pasqualina Sanna, concorrente del reality assieme a Maicol Berti, Nando Colelli e Rosy Dilettuso. Ma prima di leggere le sue dichiarazioni un breve profilo di Pasqualina.

Pasqualina Sanna compie i primi passi nel mondo dello spettacolo nel 2008 aggiudicandosi il titolo di Miss Lavorare nello spettacolo. Nel 2010 arriva la partecipazione al reality La pupa e il secchione – il ritorno, seconda edizione condotta da Enrico Papi e Paola Barale. Pasqualina in coppia con il secchione Luca Tassinari conquista il cuore dei telespettatori, classificandosi terza. Sempre nel 2010, grazie alla visibilità raggiunta con la Pupa e il secchione, prende parte allo show comico, Colorado Cafè nel quale veste, accanto ad altre ex pupe, il ruolo di coloradina. Nel 2011 il debutto cinematografico, nella pellicola Una cella in due, accanto a Enzo Salvi e Maurizio Battista. Dopo il salto l’intervista esclusiva a Pasqualina Sanna.

pasqualina-sanna-hot

Pasqualina,  sei una dei quattro concorrenti del nuovo reality di La3, White white week. Presupposto per partecipare al programma sembra essere l’astio verso la montagna.  E’ cosi anche per te?

Assolutamente sì. Sono metà napoletana e metà sarda, amo il mare, il sole e le limonate per rinfrescarmi dal calore; la montagna, il freddo, i vestiti pesanti, cappelli e sciarpe e soprattutto lo sforzo fisico non fanno per me. Non sopporto il bianco intorno a me. Preferisco il blu del mare e il giallo del sole. Ma tentar non nuoce, sarà una bellissima esperienza.

Come ti trovi con i tuoi compagni di viaggio? Avevi già avuto modo di conoscerli?

I miei compagni di  viaggio non credo saranno miei amici nella vita quotidiana, troppo strambi (ride, ndr). Io amo la normalità; penso che una settimana con loro basti e avanzi. Dico sempre che le persone bisogna prenderle a giuste dosi e una settimana di convivenza stretta con loro mi sembra più che sufficiente. Comunque sì, li conoscevo tutti e tre: li avevo visti in giro per locali ma niente di più. In definitiva, credo siano brave persone.

Questo format, che unisce reality e sport, sembra avere una marcia in più rispetto ad altri reality come il Gf: quali sono, secondo te, i suoi punti di forza?

White White Week è un reality bellissimo, innovativo, ma soprattutto breve e coinciso. I punti forza di questo nuovo genere di reality sono  lo sforzo fisico e la capacità di mettere a dura  prova i concorrenti  sia a livello fisico che a livello psicologico. Poi la cosa divertente è che i concorrenti sono tutti diversi tra loro ma, soprattutto, non amano fare quello che stanno facendo e non l’hanno mai fatto prima. Insomma, White white week ha vinto!

A quanto pare il reality merita di essere guardato. Ma mettiamo da parte lo spettacolo. Stai imparando a sciare?

Sta funzionando tantissimo. Anzitutto devo dire che adoro il mio maestro. Sciare? Lo vedrete solo dopo la settimana se riuscirò a stare in piedi sugli sci.

Ci puoi anticipare qualcosa sui meccanismi del gioco?

Il gioco è semplicissimo. Le parole chiave sono impegno, fiducia verso i propri maestri e, infine, la gara finale per aggiudicarsi la vittoria.

Dopo White White Week c’è qualcosa che bolle in pentola? Qualche progetto lavorativo top secret?

Per quanto riguarda me per adesso sono sempre in giro tra Roma e Milano. Mi sono iscritta all’Università, facoltà Dams, Discipline delle Arti Musica e Spettacolo con indirizzo Cinema e Televisione. Frequento una scuola di recitazione e continuo a fare qualcosina in tv. Non mi arrendo davanti alle sfide. Ma per adesso non sono del tutto felice. Saluto tutti i lettori de Lanostratv, e grazie per l’affetto e il vostro interesse. Mi raccomando seguiteci!

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *