Alessandro Matri: Federica Nargi gli perdona la scappatella con Simona Salvemini

By on aprile 30, 2012

foto alessandro matri e federica nargiSposarmi adesso? Non so, adesso sono talmente innamorata che potrei anche rispondere di sì se Alessandro me lo chiedesse”: così parlava pochi giorni fa la Velina mora Federica Nargi. Tempo di lanciare questo romantico messaggio, il “suo” Alessandro Matri, bomber della Juventus, è stato beccato a Milano mentre baciava l’ex gieffina Simona Salvemini. Brutto colpo, per Federica (che presto dovrà abbandonare il bancone di Striscia la notizia insieme alla collega Costanza Caracciolo). Un colpo che, però, lei ha deciso di incassare.

Ieri, infatti, è apparsa al fianco del fidanzato in tribuna a Novara. Hanno seguito insieme la partita; certo, non facevano salti di gioia, ma tutto sommato sembravano piuttosto sereni. Non si sa, ancora, se ci sia stato un incontro – o perlomeno un chiarimento – fra la Nargi e la Salvemini, che– aggravante – sono pure amiche. Proprio vero, che nella vita la fiducia va data col contagocce! Tra l’altro, non è la prima volta che Matri viene “accusato” di tradimento: l’estate scorsa si è sparsa la voce di una nottata hot proprio con la Caracciolo, con cui tra l’altro ha avuto una storia prima di legarsi a Federica.

L’episodio sarebbe avvenuto a Formentera, si è anche parlato di un violento litigio fra le due Veline. Tutti i protagonisti del triangolo hanno smentito, naturalmente, ma il dubbio è rimasto. Insomma, il giovanotto è un tantino irrequieto. Ma la Nargi pare determinata a tenerselo ben stretto, costi quel che costi. E, magari, a condurlo fino all’altare. “Quando ho presentato Federica a mia mamma – ha raccontato Matri qualche tempo fa – lei è rimasta subito colpita dalla sua semplicità, caratteristica per me fondamentale in una ragazza”. Parole importanti e significative, che non possono essere dimenticate per colpa di un innocente bacino… No?

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *