Amici 11, La presenza dei Big oscura gli allievi di quest’anno? Luca Zanforlin chiarisce le regole del gioco

By on aprile 26, 2012

text-align: justify”>amiciAl termine della fase serale di Amici manca poco meno di un mese – il 12 Maggio andranno infatti in onda le finali per la categoria ballo, anticipando così le serate del 19 e 20 Maggio in cui vedremo sfidarsi gli ultimi cantanti rimasti in gara – e in occasione di questo noi de LaNostraTv abbiamo avuto la possibilità – assieme ad alcune altre testate – di irrompere niente meno che nella tanto ambita scuola per un incontro con gli otto allievi che stanno giungendo pian piano al traguardo finale: Giuseppe Giofrè, Nunzio Perricone, Francesca Dugarte, Gerardo Pulli, Carlo Alberto Di Micco, Claudia Casciaro, Ottavio De Stefano e Valeria Romitelli (nella Gallery le foto dei ragazzi rimasti in gara).

Ad accoglierci nell’area relax della scuola con tanto di buffet, Luca Zanforlin, che ha risposto a numerose domande relative alla trasmissione. Molte di queste erano incentrate sulle nuove regole all’interno del programma: la scomparsa delle squadre nella fase del serale, le diverse giurie, la serata di messa in onda, e i due circuiti creati quest’anno, che vedono da una parte i Big e dall’altra gli attuali allievi. Si tratta di argomenti su cui il pubblico ha posto particolare attenzione creando numerose discussioni, e speriamo così di riuscire a darvi i maggiori chiarimenti possibili.

In molti si sono ad esempio chiesti perché Amici quest’anno sembra quasi essere diventato più un varietà che un talent (a gravare su questo anche la presenza di Belen Rodriguez), e pare che il cambiamento sia dipeso in parte dal collocamento settimanale della trasmissione. La messa in onda del sabato – che, spiega Zanforlin, non è stata decisa dagli autori del programma ma dalla Rete stessa – ha conseguentemente creato l’esigenza di avvicinarsi più a uno show: “E’ stato anche questo uno dei motivi che ci ha spinto a richiamare alcuni ragazzi delle precedenti edizioni – rivela – per mantenere l’imprinting di Amici ci servivano, appunto, i ragazzi di Amici”. E alla domanda tanto di moda in quest’ultimo periodo “Non pensate che la presenza dei Big possa oscurare quella degli allievi attuali”, ha tranquillamente risposto: “Crediamo che gli allievi di quest’anno possano essere stimolati da chi ha vissuto in precedenza il loro stesso percorso e ha poi continuato quella strada” sottolineando inoltre che il tempo a disposizione per i due circuiti è pressoché lo stesso. Ma cosa ne pensano i diretti interessati?

Ottavio De Stefano

Ad aprirsi sull’argomento è stato soprattutto Ottavio De Stefano, che non crede che la presenza dei Big li abbia oscurati in modo particolare, anzi. Oltre a sostenere ciò che ha detto Zanforlin riguardo al tempo a disposizione –  “Forse c’è giusto un difetto di 5-6 minuti” – ha dichiarato che non solo non pensa che la presenza di Alessandra Amoroso & Co possa penalizzare lui e suoi compagni, ma ha anche il vantaggio di attirare grande quantità di pubblico, e questo si ripercuote conseguentemente nei loro confronti: “Chi accende la televisione per vedere Alessandra poi è inevitabile che, pure per sbaglio, guardi anche me” ammette ridendo. Ottavio prosegue il suo intervento parlando anche dell’eliminazione delle squadre che hanno caratterizzato per anni la formula del programma: “Credo che sia una forte valenza di questa edizione: ognuno mette in gioco sé stesso, senza mascherarsi dietro alcuna squadra”.

Riguardo invece al fatto che gli allievi del ballo stiano perdendo l’attenzione dovuta, e alla domanda se questo potrebbe portare pian piano a una scomparsa della danza nella scuola (quel che poi è avvenuto con la recitazione), Zanforlin ha tenuto a specificare che l’idea di arrivare a due vincitori del programma – uno per il ballo e uno per il canto – ha l’intento specifico di preservare la categoria. “Senza considerare il fatto – dichiara – che paradossalmente, una volta usciti dalla scuola, sono i ballerini quelli che riescono a inserirsi con più facilità nel mondo del lavoro. Gran parte del pubblico non è a conoscenza di questo perché, grazie ai dischi, è più facile seguire un cantante che un ballerino, ma molti di quelli che sono usciti da qui lavorano da anni, anche all’estero, in importanti compagnie”.

Mentre i ragazzi chi pensano possa vincere l’edizione di quest’anno? I nomi più accreditati sono Gerardo e Ottavio per il canto e Giuseppe per il ballo, seppure Claudia metta in gioco anche Francesca. Una cosa è certa: tutti loro sono spaventati all’idea di dover uscire dalle “mura protette” della scuola per addentrarsi nell’ignoto. “Io ho paura di non trovare lavoro, chissà cosa succederà fuori. Se ho un piano ‘b’? Certo, e anche un c, d, e, …” ammette Nunzio, ironizzando. Ma questo è un pensiero comune a tutti. Non ci resta che fare un grande in bocca al lupo agli otto finalisti per questi ultimi metri da percorrere, augurandogli di poter proseguire anche in futuro il loro sogno.

E voi chi pensate vincerà la nuova edizione?

About Vanessa Colella

Nata a Roma nel 1989, ha conseguito la laurea triennale in Scienze Statistiche presso la “Sapienza”, e sta proseguendo i suoi studi con la laurea specialistica in “Statistica, assicurazioni e finanza”. Si è inoltre diplomata presso l’accademia di Roma “La maschera in soffitta”, prendendo successivamente parte ad alcuni spettacoli teatrali. Ama leggere i gialli e soprattutto d’estate…altrimenti lo studio passa totalmente in secondo piano.

One Comment

  1. chicca

    aprile 26, 2012 at 22:21

    Sinceramente spero vinca Carlo per il canto. Il miglior talento di quest’anno, l’unico che ha tutto, voce, tecnica, interpretazione e non imita nessuno, a differenza degli altri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *