Anna Safroncik protagonista del melodramma “Le tre rose di Eva”: “Il personaggio di Aurora mi ha cambiata”

By on aprile 4, 2012

text-align: center”>Anna Safroncik in Le tre rose di Eva

Una bellezza raffinata e un volto che buca lo schermo, Anna Safroncik è la protagonista della nuova fiction Mediaset che debutta stasera su Canale5: Le tre rose di Eva è un melò a tinte forti che unisce il dramma sentimentale al thriller, in un romanzo popolare tutto ambientato sotto il sole della Toscana. Nata a Kiev e con un passato da modella, la Safroncik è ormai italiana d’adozione: si è trasferita nel nostro paese a tredici anni e non l’ha più lasciato. D’altronde qui ha trovato la sua America, quando la sua celebrità è espolosa con il cinico personaggio di Anna Baldi nella soap opera Centovetrine. Un ruolo intrigante che le ha portato la popolarità e la possibilità di farsi notare dai registi della fiction italiana: subito dopo sono arrivati infatti ruoli di primo piano in La figlia di Elisa – Ritorno a Rivombrosa, Al di là del lago, Il falco e la colomba e Il commissario Manara 2. Senza dimenticare il cinema: l’attrice ha esordito sul grande schermo nel 2000 nientemeno che al fianco di Carlo Verdone nella commedia Un cinese in coma, e nello stesso anno ha partecipato a Metronotte di Francesco Calogero, per poi tornare al cinema con Ficarra e Picone in La Matassa (2009).

Stasera la Safroncik esordisce in quello che sarà il suo primo ruolo da eroina romantica: dopo tanti personaggi cinici e ambigui e ruoli da cattiva, stavolta la vedremo nei panni di una giovane donna finita in carcere ingiustamente. Le tre rose di Eva è la storia della bella Aurora Taviani, accusata di aver ucciso il padre del suo grande amore, Alessandro Monforti (Roberto Farnesi). Un delitto mai commesso, ma per il quale Aurora sconta otto anni di carcere: finalmente libera, decide di tornare nel suo paese d’origine per riprendersi la sua vita e l’uomo che ama. Ma la rivalità tra le due famiglie, i segreti e i rancori, la costringeranno ad affrontare una serie di ostacoli. In un’intervista al settimanale Nuovo, Anna Safroncik ha espresso tutta la sua felicità per questo ruolo inedito in cui si è cimentata: “E’ stato davvero una bella opportunità, perchè a differenza dei miei ruoli precedenti, questo è stato più complesso e vero. Sfido qualunque donna a non aver provato almeno una volta nella vita la solitudine e il dolore di Aurora“.

anna-safroncik-e-roberto-farnesi-le-tre-rose-di-eva

Una sfida importante per la bella Anna, che racconta l’esperienza sul set quasi come fosse una seduta intensiva di psicoanalisi: “La possibilità di tirar fuori le tue emozioni e di farti capire qualcosa in più di te attraverso i personaggi che interpreti è uno degli aspetti che amo di più nel nostro mestiere (…) Confesso che dopo Aurora non sono più la stessa: questa donna mi è entrata così tanto dentro da avermi traghettato verso una nuova Anna (…) più consapevole di chi è e di che cosa vuole diventare“. Protagonista del gossip che la vuole al fianco di Francesco Arca (dopo la rottura con il collega Giulio Berruti, conosciuto sul set di La figlia di Elisa, ndr), l’attrice non conferma nè smentisce, dichiarando di aver imparato a convivere con la stampa scandalistica che le affibia un fidanzato a settimana. Un modo di rappresentarla che proprio non le appartiene: “Non è bello passare per ciò che non si è (…)“. E pensare che invece caratterialmente appare una persona poco socievole: “Molti mi danno dell’algida, ma in realtà sono solo timidaconfessa l’attrice – e quasi mi terrorizza relazionarmi con gli altri. Pian piano però mi apro e mi lascio avvicinare“.

L’appuntamento con Anna Safroncik e Le tre Rose di Eva è per stasera alle 21.10 in prima tv assoluta su Canale5.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *