Anticipazioni del ciclo “Mai per amore”: stasera il secondo film “Ragazze in web” di Marco Pontecorvo

By on aprile 3, 2012
ragazze in web crescentini inaudi

text-align: center”>ragazze in web crescentini inaudi

Claudia e Silvia sono due giovani studentesse che dividono un appartamento. La prima proviene da una famiglia modesta e per mantenersi ha deciso di vendere la sua immagine attraverso il web. Silvia invece fa parte di una famiglia benestante e quando scopre il segreto dell’amico dapprima ne resta scandalizzata, ma poi decide di percorrere la sua stessa strada, attratta dall’idea che questo le possa assicurare una vita indipendente e più comoda. La regola fondamentale per fare questo lavoro è quello di non confondere mai la vita reale da quella virtuale. Ma improvvisamente Silvia si pente di aver scelto questa strada e rompe l’amicizia con Claudia, la quale cade nella trappola di uno ammiratore. Dopo aver parlato a lungo sul web, davanti alle telecamere, la giovane decide di incontrare questo ragazzo da cui si sente attratta. Le due ex amiche vanno incontro a un destino che cambierà per sempre la loro vita, con tanto di finale a sorpresa.

Questa è la trama del film Ragazze in web del regista Marco Pontecorvo con Carolina Crescentini e Francesca Inaudi che sarà in onda stasera 3 aprile alle 21,10 su Rai Uno e che fa parte del ciclo di film Mai per amore (in questo articolo abbiamo parlato del primo film andato in onda dal titolo Troppo amore di Liliana Cavani), prodotto da Claudia Mori per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito al grave dramma della violenza contro le donne. Tramite i quattro film in palinsesto si cerca di indagare su possibili cause e distorsioni che portano a considerare le donne come un involucro da sottomettere e utilizzare. Strumenti utili a individuare quali possono essere le perversioni più profonde di chi perpetua questo tipo di violenza, gli uomini.

 

una-scena-di-ragazze-in-web

E’ lo stesso Pontecorvo a dare l’immagine precisa del suo film e a raccontare il tentativo di spiegare i temi della violenza: “Non bisognava né giudicarle né compatirle e questo gioco di equilibrismo era fondamentale per la riuscita del film. Spero di esserci riuscito, pur mantenendo coerentemente la mia posizione sul problema che investe una grandissima fascia di ragazze tra i quattordici e i trent’anni e che credo debba preoccupare tutti noi, soprattutto chi si occupa di formazione nel nostro paese”.

Mai per amore proseguirà per i prossimi due martedì con La fuga di Teresa di Margarethe Von Trotta, con Stefania Rocca e Alessio Boni (sulla violenza tra le mura domestiche) e Helena e Glory di Marco Pontecorvo con Barbora Bobulova e Thomas Trabacchi (sulla prostituzione).

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *