Anticipazioni Report 15 Aprile: il “nero” domina la nostra economia

By on aprile 15, 2012
l'inchiesta di Report sull'economia

text-align: justify”>l'inchiesta di Report sull'economiaIn Italia l’economia sommersa è un mostro vorace che nessuno sembra poter ridimensionare. Neanche Mario Monti ed i suoi ministri tecnici hanno inteso lanciare un’offensiva coraggiosa nei confronti del “problema dei problemi” che soffoca conti pubblici e sviluppo: l’enorme peso del “nero” da nord a sud della nostra penisola rende vani gli sforzi di risanamento e di rilancio del “sistema Italia”, laddove i soliti noti si arricchiscono (sacrosanto “leit motiv” del programma) ai danni dei cittadini onesti e rispettosi delle leggi. L’uso di contante è un’abitudine radicata e non si potrebbe certo stravolgere da un giorno all’altro, ma l’unica strada utile per dare una svolta alla lotta anti-evasione sarebbe quella del controllo capillare sui movimenti di denaro.

Gli Stati Uniti, culla del liberismo e pertanto non “pericolosi” agli occhi del cultori del mercato, da questo punto di vista sarebbero un ottimo modello: persino per pagare una bevanda è possibile utilizzare una carta di credito prepagata, senza peraltro trattenute eccessive degli istituti bancari (conseguenza per molti naturale di un simile sistema). Milena Gabanelli proverà a spiegare, con l’ausilio dei suoi giornalisti inviati in giro per il mondo, come si può abbattere davvero l’evasione fiscale, nel rispetto delle regole e con beneficio immediato per l’economia nazionale.

agenzia-delle-entrate-italia

Ogni anno vengono varate misure di rigore, con pesanti conseguenze sulla condizione di lavoratori, pensionati e imprenditori onesti (categorie letteralmente in ginocchio, lo dimostrano tragicamente i numerosi suicidi riportati dalle cronache): sacrifici “richiesti dall’Europa” ma insopportabili se non accompagnati da un’ equivalente severità nei confronti dei tanti furbi e disonesti, capaci di arricchirsi a dismisura pur in tempo di crisi. Ma da dove si potrebbe cominciare? Tutti, compresi i comuni cittadini, hanno i mezzi per incidere su questi perversi meccanismi elusivi, dato che ogni mancata fatturazione o emissione di scontrini danneggia la collettività alimentando l’economia illegale. Diversamente da quanto avviene in altri Paesi europei e occidentali, dalle nostre parti c’è una sorta di patto d’onore tra professionisti e clienti, tra datori di lavoro e dipendenti, per aggirare le leggi ed operare nel sommerso, come se il comune nemico fosse lo Stato: ma il vantaggio finale di tale prassi è per pochi privilegiati, non sempre raccomandabili (le varie mafie conoscono bene e sfruttano adeguatamente il potenziale del “nero”).

Report darà i numeri, lasciando poco spazio all’immaginazione su quello che ci viene tolto lasciando intatti i 150 miliardi di evasione stimati dall’Agenzia delle Entrate, con un rapporto tra economia dichiarata ed economia illegale imbarazzante (35%, rispetto al Prodotto Interno Lordo, il peso di quest’ultima secondo l’Eurispes). Non sarebbe così difficile cambiare le abitudini degli italiani, se solo li si informasse dei benefici a breve e lungo termine di una nuova (e finalmente “legalizzata”) economia.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *