Che Tempo Che Fa 28 Aprile, recensione della puntata. Stasera Del Piero e Casini

By on aprile 29, 2012
Fabio Fazio, che tempo che fa

text-align: justify”>Fabio Fazio, che tempo che faStoria, economia e musica sono stati gli argomenti della puntata di Che Tempo Che Fa andata in onda ieri 28 Aprile. Con l’ex parlamentare Luigi Manconi, da anni impegnato nella difesa dei diritti civili nell’associazione “A buon diritto”, Fabio Fazio ha ripercorso alcune tappe della storia musicale italiana: il libro “La musica è leggera”, presentato da Manconi al pubblico per l’occasione, interpreta alcuni mutamenti storici più o meno recenti con l’ausilio dei brani musicali, considerando le canzoni una sorta di specchio della società che cambia. La presenza di Marco Paolini, come secondo ospite, ha lasciato il segno per tutta la serata, emozionando con la forza delle parole di “Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute“. L’attore ed autore teatrale bellunese, di recente tornato in tv con lo spettacoloITIS Galileo (trasmesso da La 7, rete che si appresta ad accogliere in pompa magna proprio Fazio), ha letto e commentato un estratto dell’opera del 2011, incentrata sul dramma dello sterminio silenzioso dei più deboli durante il nazismo: l’aberrante logica “scientifica” della cosiddetta Aktion T4, altro non era che un’applicazione su larga scala delle teorie criminali basate sull’eugenetica, strumento micidiale in mano ai fanatici della “razza pura” e dell’ordine sociale perfetto.

foto-alessandro-del-piero-calciatore

I tristi episodi riportati da Paolini risalgono ad epoche storiche non lontanissime nel tempo, ma quello che fa più paura, come giustamente sottolineato dall’autore, è il freddo calcolo di un “bene supremo” con l’eliminazione di tutto ciò che non risponde al canone della “normalità”. L’ultimo ospite di ieri è stato Cesare Romiti, storico Amministratore Delegato della Fiat di Giovanni Agnelli: un modello aziendale ed industriale, quello della fabbrica torinese, ormai superato, ma da molte parti rimpianto per la maggiore sicurezza sociale che garantiva. Pur difendendo in toto la storia anche recente della Fiat, Romiti ha dato una lettura fortemente critica dell’ assetto economico nazionale, proponendo un pò a sorpresa il modello cinese come punto di riferimento per uscire dall’ attuale impasse.

Un tuffo nell’attualità politica italiana ha chiuso la puntata, con la spietata classifica settimanale di Massimo Gramellini: dai tecnici sempre più “politicizzati” al governo, fino al traballante Governatore della Lombardia Roberto Formigoni (i suoi spot elettorali dell’anno scorso, riproposti dal divertito Gramellini, rischiano di diventare un “evergreen” per la satira), tante le “vittime” dell’ironia del giornalista de La Stampa. L’attualità politica e la cultura (con un’incursione nello sport) saranno i temi anche della puntata di stasera, dove si alterneranno come ospiti il segretario dell’Udc  Pierferdinando Casini, il capitano della Juventus Alessandro Del Piero e l’ideatrice della Fondazione Lelio Luttazzi, Rosanna Luttazzi.

 

 

 

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *