Elton John: “Ho rischiato di morire per la cocaina”

By on aprile 1, 2012

foto elton johnSchiavo della cocaina. Talmente in fondo al tunnel da rischiare di rimetterci la vita. Elton John, una delle indiscusse star del panorama musicale internazionale, decide di raccontare i suoi giorni bui. Quei giorni in cui la maledetta polverina bianca era compagna fedele delle sue giornate: “Avrei potuto – rivela a E! News – fare la stessa fine di Whitney Houston. E’ un miracolo che non mi sia successo, perché sono sicuro di essermi fatto tanta cocaina quanto lei”. Al contrario della rimpianta Whitney, però, lui ha saputo dire basta. Ha saputo riconoscere il limite e fare mille passi indietro. Dal 1990 è pulito, libero sia dalla droga che dall’alcol, altro mostro che trascina dritti all’inferno. Nel cammino verso la salvezza, un ruolo di primo piano spetta al produttore David Furnish, al suo fianco da ormai vent’anni.

E poi c’è il piccolo David, che la coppia ha felicemente adotttato nel Natale del 2010: “Non sarei la persona che sono oggi – ammette il divo – se non avessi Zachary e David. Non avrei niente e probabilmente sarei morto”. Quando si dice la forza dell’amore. Da un bel po’, per Elton, al primo posto ci sono la passione per la musica e la dedizione agli affetti più cari; secondo quanto rivela una fonte al Daily Mirror, “David ed Elton stanno pensando di espandere la loro famiglia e credono anche che sia il momento giusto per pianificare un altro bambino. Tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, ci sarà un quarto membro nel clan John-Furnish. Loro adorano essere genitori”.

I fans del Baronetto, intanto, stanno scalpitando: per il prossimo anno è prevista l’uscita del suo nuovo disco, The Diving Board, che segue The Union (uscito invece un anno e mezzo fa): ci saranno dieci brani inediti, che lui ha scritto nel giro di due giorni in preda a un vero e proprio impeto creativo. Perché quando si ha la mente lucida e il cuore sereno, certe cose vengono fuori che è una bellezza…

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *