Eva: programma sulla scienza o insulto all’intelligenza dei telespettatori?

By on aprile 17, 2012

E’ andato in onda su Rai Due il primo di sette appuntamenti del nuovo programma d’informazione scientifica condotto dalla modella Eva Riccobono, per la prima volta nelle vesti di conduttrice. Un bilancio sulla prima puntata di Eva- Lo spettacolo della scienza? Banale e imbarazzante. Avevano proposto un programma originale e fresco, che avrebbe affrontato tematiche di fondamentale importanza con un occhio di riguardo alla leggerezza e allo chic puntando anche sulla bella modella desiderosa di diventare attrice ma il risultato è andato oltre la sopportazione del pubblico. Domande come “ci si bagna di più quando piove camminando o correndo” sono un’insulto all’intelligenza dei telespettatori, che almeno che non possiedano il quoziente intellettivo di Francesca Cipriani riderebbero a crepapelle nel veder trattato un tema così ovvio e prevedibile con un tono così concitato e serio.

Anche lo “choccante” annuncio dell’impossibilità di vivere sul pianeta Venere per ragioni ovvie lascia inermi, per non parlare dell’imbarazzante intervista ad opera di Costantino Della Gherardesca ai partecipanti della StraMilano, interrogati sulle loro ipotetiche prestazioni amorose prima dell’agone di cui sono protagonisti. Il top del trash tocca decisamente l’apice con il servizio sui malati di film per maggiorenni, schiavi delle immagini trasmesse in rete o in video e abbienti ad un approccio reale con un essere umano. Riuscirà il programma a sfondare il pubblico o sarà l’ennesimo flop televisivo narrato da una conduttrice improvvisata che ci ricorda tanto Fiammetta Cicogna per un’erre moscia a dir poco evidente?

eva-costantino-della-gherardesca

Staremo a vedere, augurandoci che la televisione si riprenda al più presto dall’ondata di trash e ovvietà che da troppo tempo sembra regnare incontrastata sul piccolo schermo.

About Mario Manca

Specializzando in Televisione,Cinema e New Media presso Libera Università di Lingua e Comunicazione Iulm di Milano. Ama e segue la televisione da una vita e desidererebbe dare un contributo attivo alla creazione di un modello televisivo teso alla qualità e intelligenza informativa con interventi autoriali mirati. Il suo modello di critica televisiva è Aldo Grasso e Madonna è la sua artista musicale preferita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *