Giancarlo Leone: “Daniele Luttazzi potrebbe tornare in Rai”. E con lui anche Geppi Cucciari

By on aprile 29, 2012

text-align: center”>Daniele Luttazzi e Geppi Cucciari in Rai

Se c’è una grande assente in Rai, questa è la satira: personaggi come Dario Fo, Beppe Grillo e Daniele Luttazzi non vi  mettono più piede da anni e dopo l’abbandono forzato di Serena Dandini e di tutta la squadra di Parla con me, davvero nella tv di Stato è rimasto solo qualche scampolo di comicità (si legga Luciana Littizzetto, Enrico Bertolino, Ubaldo Pantani), ma di satira vera neanche l’ombra. Eppure qualcosa si muove: ospite del programma di Radio2 Un Giorno da Pecora, il direttore dell’Intrattenimento Rai Giancarlo Leone, ha promesso che nei prossimi mesi l’azienda si impegnerà a valutare format più moderni in grado di conquistare anche il pubblico giovane, che da sempre latita sulle reti Rai, anche grazie a nuovi volti da portare nella tv pubblica.

In particolare, grazie alle domande dei follower del programma su Twitter, i conduttori Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro hanno chiesto a Leone se farebbe tornare Daniele Luttazzi in Rai con un suo programma. E, un po’ a sorpresa, la risposta è stata positiva: “Se non eccedesse dal mio punto di vista sìha dichiarato il direttore – Forse qualche volta da noi, come a La7, ha ecceduto. La satira è bella se riesce a confinarsi entro un limite soggettivo che ognuno ha. Lui è bravissimo, ma qualche volta gli scappa qualcosa di troppo. A me piace molto”. Insomma, con i dovuti paletti, che si sa, ad un genio creativo come quello di Luttazzi stanno certamente strettissimi, l’autore potrebbe tornare in video, magari su quella Rai2 da cui venne cacciato dopo l’editto bulgaro di Silvio Berlusconi. Ma Luttazzi non è l’unico volto ad interessare Leone.

daniele-luttazzi

Dopo gli apprezzamenti per la sua partecipazione al Festival di Sanremo (l’unica donna che abbia portato sul palco dell’Ariston ironia, intelligenza e sensibilità), Geppi Cucciari è nelle mire di mamma Rai, soprattutto considerando le ultime voci che danno in chiusura il suo G’Day su La7: “Chissà che non possa diventare una conduttrice Raiha auspicato Leone – La7 potrebbe non riconfermarla? Ho letto con grande attenzione questa notizia, perché (…) lei è un personaggio molto interessante. In questo momento ha un profilo da Rai2, per il lavoro che sta cercando di fare D’Alessandro su questo canale. Però dipende dal progetto”. Dopo la campagna acquisti che lo scorso anno ha permesso alla rete di Telecom Italia di accaparrarsi alcuni tra i volti più in voga della tv, adesso potrebbe toccare alla Rai realizzare un’operazione di rinnovamento di programmi e personaggi. Intanto la prima grande e attesa novità è l’autocandidatura di Carlo Freccero e Michele Santoro rispettivamente alla presidenza e alla direzione generale della Rai. E se la rivoluzione partisse da qui?

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. yuri giuliani

    maggio 20, 2012 at 15:13

    Paletti? Ma scherziamo? Diamo alle cose il loro vero e onesto nome, censura.
    E la censura per la satira è blasfema, oltre che illegale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *