Jersey Shore sempre più nel caos: adesso arriva la polizia

By on aprile 20, 2012
I tamarri di Jersey Shore

text-align: center”>I tamarri di Jersey Shore

Che Jersey Shore non fosse un reality come gli altri è sempre parso evidente (cliccate qui per conoscere una delle stranezze). D’altronde non si capisce la funzione e lo scopo di una decina di ‘tamarri’ lampadati, svestiti e muscolos,i messi ‘a giacere’, ma più che altro a divertirsi, in una casa con lussi e comfort. Ma tant’è: il programma diverte, a tratti fa anche ridere, intrattiene. Jersey Shore, e il che non guasta, fa anche molti proseliti. Il che non guasta, certo, o di norma dovrebbe non guastare. Ma in Jersey Shore poche cose rientrano nella categoria normalità e tra queste non c’è il rapporto con i fans, almeno quelli più agguerriti.

Gli appassionati più esaltati del programma stanno causando parecchi problemi alla produzioe. Problemi, udite udite, di ordine pubblico. Alcuni fan, infatti, hanno la cattiva abitudine di dimostrare il loro affetto in maniera un tantino rumorosa e vistosa. Vistosa, soprattutto: nella casa di Jersey Shore appaiono da un po’ di tempo dei graffiti in onore dei personaggi che abitano al di là di quelle stesse mura: scritte e disegni che dovrebbero esprimere ammirazione ma che in verità non fanno altro che causare ingenti perdite economiche alla produzione. Questo perché è costretta ogni due-tre giorni a imbiancare la casa.

jersey-shore-mtv

Ma gli episodi di ‘vandalismo affettivo’ non finiscono qui. Anzi: c’è addirittura chi si è arrampicato sul tetto e ha rubato, così per ricordo, qualche bella tegola da portarsi a casa. C’è anche chi erode l’intonaco , sempre per ricavarne un insolito quanto originale souvenire.

La produzione ha trovato una soluzione per impedire per sempre questi atti di devastazione. Una soluzione drastica: l’impiego di forze di polizia a pattugliare la casa di Jersey Shore. I poliziotti avranno il compiti di allontanare i malintenzionati e di far sì che i danni non si verificano più. Tamarri e polizia, che binomio.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *