Johnny Depp il Cappellaio Matto di ‘Alice in Wonderland’; con Tim Burton è una collaborazione infinita

By on aprile 10, 2012
Foto Deep e Burton

text-align: center”>Foto Deep e Burton

Johnny Depp quanto al suo cognome, non  sa dare una spiegazione. Non ne conosce le origini ma, da come afferma lui stesso, si addice perfettamente alla sua personalità. Si definisce un pò ‘idiota’ o ‘sciocco’ e, nella sua vita ne ha combinate di cotte e di crude. Lontano da tutto ciò che vuole essere una star di Hollywood, Johnny Depp è l’anticonformista per eccellenza; ribelle e incontentabile di natura, l’attore più pagato al mondo non si è mai sentito pienamente soddisfatto, nonostante i soldi, la fama e il successo. Nel corso della sua brillante carriera ha sempre voluto ‘osare’,  tanto che, raramente, lo abbiamo visto interpretare dei ruoli alquanto ‘normali’. Generalmente, adora trovarsi nei panni dei personaggi più bizzarri perchè in lui, c’è sempre una grandissima voglia di distinguersi. Ma la vera svolta è stata conoscere Tim Burton, un regista visionario che gli ha dato la possibilità di esprimersi pienamente e nella maniera più libera possibile. Nel ’90 Burton lo sceglie come protagonista di ‘Edward Mani di Forbice’ e da qui, la loro grande intesa sfocia in un rapporto di stretta collaborazione professionale.

foto-alice-in-wonderland

Nel 2010 Johnny Depp e Tim Burton si rincontrano nuovamente sul set; il film in questione è Alice in Wonderland, nel quale Depp interpreta il Cappellaio Matto. In un’intervista, il bell’attore ha affermato: “Lavorare con Tim Burton è un onore“. E’ inutile negare, quanto Depp sia stato entusiasta del ruolo affidatogli; il Cappellaio Matto è un personaggio molto affascinante che, emotivamente, conquista proprio tutti. Come commenta lo stesso Depp: “Si capisce subito cosa prova.” E continua: “E’ come un libro aperto; le sue emozioni sono cristalline”. Il rapporto con Alice è particolare; i due si completano come fratello e sorella e non perdono occasione per proteggersi l’uno con l’altro. Per Johnny Depp, dar vita al personaggio di Tim Burton è un sogno che si avvera; in ogni performance, anche nella più strana e inventata, l’attore mostra sempre un pò di sè. Il Cappellaio Matto è un personaggio molto curioso, proprio come lo è lui nella vita. Infatti, ha affermato serenamente: “Ho iniziato a fumare a 12 anni, ho perso la verginità a 13 e a 14 avevo già provato ogni tipo di droga. Non dico di essere stato un cattivo ragazzo, ero soltanto curioso.”

Così, spinto dalla voglia di scoprire le reazioni incoscienti del suo corpo, Depp, nei primi anni ’90, è entrato nel giro della cocaina. Ha dichiarato di non esserne mai stato dipendente e di aver avuto, quasi immediatamente, il coraggio di cambiare rotta. Ogni tanto ripensa a quel periodo guardando il suo avambraccio sinistro dove ci sono otto cicatrici auto-inferte. Ormai non gli fanno più male, ma i segni sulla pelle gli ricordano quanto gli errori siano indelebili nella vita di ognuno.

About Martina Morlè

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *