Le Iene Show, puntata del 18 aprile: ladri in casa di Ana Laura Ribas per colpa di Twitter

By on aprile 19, 2012
Ana Laura Ribas, il rapporto con Twitter

text-align: center”>Ana Laura Ribas, il rapporto con Twitter

Si sa, la tecnologia migliora la vita, ma nasconde anche molte insidie. Le truffe del terzo millennio vengono fatte su internet. Ciononostante, non è necessario che il malintenzionato abbia conoscenze straordinarie, a volte basta saper approfittare di una stupidata altrui. Lo sa bene Ana Laura Ribas, vittima di un episodio davvero spiacevole. Lo ha raccontato a Le Iene Show, nel mezzo di un servizio su Twitter, il social network del momento.

La modella brasiliana ha ammesso di utilizzare compulsivamente Twitter e di ‘cinguettare’ spesso, così spesso da rendere presente ai followers di quello che fa durante la giornata o di quello che le capita nella vita. Ebbene, un giorno scrisse “sto partendo per Roma”. In parole povere lanciò un segnale ai topi d’appartamento che, quella stessa notte, entrarono in casa approfittando dell’assenza e rubarono un po’ di tutto.

Il servizio de Le Iene, però, è servito soprattutto a illustrare il rapporto tra Twitter e i personaggi famosi. Il social network è salito alla ribalta di recente per l’abbandono di Fiorello, maniaco dei cinguettii, dopo essere diventato una specie di star della rete. Ebbene, se il comico siciliano usava ‘il pc’ per fare opinione e per commentare fatti di attualità, molti vip lo utilizzano come farebbe un adolescente, scrivendo cose poco importante.

Ana Laura Ribas

Lo ha ammesso candidamente Elenoire Casalegno. La bionda conduttrice alla domanda “cosa hai tu da dire su Twitter”, ha risposto “Niente, caz*ate”. Questo ‘morbo’ è abbastanza diffuso tra i personaggi famosi; lo si evince dalla testimonianza degli altri intervistati durante il servizio, come Jerry Scotti e Ornella Vanoni. Sullo sfondo un conciso Beppe Severgnini che ha spiegato il senso di Twitter, a cosa serve e come si usa.

Il servizio sul social network ha ‘spezzato’ un po’ la tensione, mantenuta a livelli alti, tra le altre cose, dal servizio sul doping nel calcio. Cliccate qui per leggere le rivelazioni di Carlo Petrini, ex calciatore deceduto qualche giorno fa.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *