Le Tre Rose di Eva, terza puntata: il mistero si fa più fitto

By on aprile 16, 2012
anna safroncik e roberto farnesi

text-align: justify”>anna safroncik e roberto farnesiIn onda su Canale 5, la fiction Le Tre Rose di Eva sta conquistando una generose fetta di pubblico italiano. Anzi, l’ha già conquistata. Perché sono davvero in molti ad attendere con trepidazione la terza puntata (in tutto sono dodici), che andrà in onda il prossimo mercoledì 18 aprile. Il merito di tanto successo? Il sapiente intreccio fra passioni, tradimenti, mistero. La vicenda, pur essendo articolata, scorre con naturalezza. Non è il solito “romanzone”, insomma. I protagonisti (ma in fondo hanno tutti un ruolo importante) sono Aurora Taviani (Anna Safroncik) e Alessandro Monforte (Roberto Farnesi). Un tempo si amavano, poi il padre di Alessandro è stato assassinato e lui ha contribuito a far sbattere in galera proprio Aurora, che c’è rimasta per otto anni.

La seconda puntata, dunque, si è conclusa con un terribile incendio doloso che ha distrutto gran parte delle vigne appartenenti alle sorelle Taviani. Armandosi di volontà ferrea e “capitanate” dall’incrollabile Aurora, loro riescono ugualmente a fare la prima vendemmia, anche grazie all’aiuto dell’agronomo Bruno Attali (Francesco Arca), a sua volta invitato da Ruggero Camerana (ergo il fascinoso Luca Ward), produttore di vino rivale della famiglia Monforte e padre di Viola (Victoria Larchenko), promessa sposa del suo acerrimo nemico Alessandro.

anna-safroncik

Al fianco delle ragazze c’è sempre Don Riccardo Monforte (Kaspar Capparoni), che durante una confessione raccoglie un’informazione assai preziosa circa l’omicidio di Luca Monforte: lui, ricordiamolo, è l’unico ad aver sempre creduto ciecamente nell’innocenza di Aurora. Entra poi in scena un uomo misterioso che, introdottosi nella chiesa di Villalba, mette in pericolo la vita del sacerdote: evidentemente, ormai sa troppe cose e l’obiettivo è quello di farlo fuori. Aurora, intanto, sotto una mattonella trova una lettera…

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *